Landini: "Coalizione sociale per difendere i diritti"

1' di lettura

"Anche il sindacato deve rinnovarsi" dice il segretario della Fiom dalla riunione convocata per mettere in campo le basi di un'alternativa alle politiche del governo Renzi. Speranza: "Serve più sinistra nel Pd, non urla in tv". VIDEO

Una "coalizione sociale" che accorpi movimenti, reti e mondo dell'associazionismo per costruire un'alternativa a sinistra rispetto alle politiche del governo Renzi. Questo l'obiettivo della manifestazione che si è svolta a Roma, presso la sede della Fiom. Una "coalizione sociale", ha spiegato Maurizio Landini nel corso dell'incontro, per difendere "i diritti di cittadinanza a partire da quello del lavoro, non solo quello salariato, ma in tutte le forme".  Per questo, sostiene Landini, di fronte al processo di "fortissima svalorizzazione" del lavoro serve anche "un rinnovamento del sindacato".

Landini: "Un partito? Per fortuna c'è chi non ha votato il Jobs Act"
- Ma a chi gli chiede se questa "Coalizione sociale" diventerà un nuovo partito, Landini risponde ironico: "Lo chieda a Speranza, lui fa politica". Incalzato, poi scherza: "Non conosco il significato della parola partito". Ma a chi gli chiede se la sua coalizione avrà una sponda in Parlamento, Landini risponde: "Per fortuna c'è anche chi non ha votato"  il jobs act, "c'è anche chi si è astenuto".

Guerini: "Opposizione era politica più che sindacale"
- Ma per il vicesegretario del Pd Lorenzo Guerini le intenzioni politiche di Landini sono chiare: "Non capisco bene - dice . in che cosa consista la sua proposta però ciò che mi sembra abbastanza evidente è che si conferma che l'opposizione di questi mesi era più politica che sindacale".

Speranza: "Serve più sinistra nel Pd, non urla in tv""
- Dalla minoranza del Pd, le reazioni all'iniziativa sono diverse. Gianni Cuperlo dice di "guardare con rispetto" alla coalizione, ma sottolinea: "Serve la rivendicazione orgogliosa di una sinistra che fa la sua battaglia dentro il Pd". Più duro il capogruppo alla Camera Roberto Speranza: "La soluzione a questo sistema politico non può essere una nuova sinistra antagonista che nasce dalle urla televisive di Landini, ma la soluzione è avere più sinistra nel Pd e nella nostra azione di governo".


Parole a cui Landini replica a stretto giro: "Sono abituato a discutere di merito più che di decibel sono attento a quello che si dice: inviterei ad avere rispetto delle proposte che si fanno senza dimenticare che il partito di maggioranza, non tutti al suo interno, ha votato la cancellazione dello statuto dei lavoratori".

Incontro preparatorio in vista della manifestazione del 28 marzo - L'incontro di oggi prepara anche la manifestazione del 28 marzo a Roma contro il Jobs Act e la partecipazione del sindacato a quella organizzata da Libera a Bologna, il 21 marzo, contro le mafie. La riunione a porte chiuse nella sede della Fiom ha visto partecipazione di diverse associazioni, da Emergency ad Arci, da Libera ad Articolo 21. E non è mancata la partecipazione di un rappresentante politico vero e proprio, con la senatrice ex M5s Maria Mussini.

Leggi tutto