Ddl anti-corruzione, Grasso: "Prossima settimana decisiva"

1' di lettura

Il testo presentato il 15 marzo 2013 è fermo in Parlamento da 2 anni. L’ultimo stallo sul falso in bilancio. Ma tra il 17 e il 19 marzo la norma arriverà finalmente in Aula. Il presidente del Senato: "Finito il tempo di mediazioni e accordi al ribasso"

Il 15 marzo del 2013 il senatore Pietro Grasso, non ancora presidente di Palazzo Madama, depositava il suo disegno di legge contro la corruzione: era il numero 19 della legislatura e si componeva di 9 articoli. Dal quel momento sono passati due anni, e la legge non è ancora stata approvata. Il ddl è stato fermo in commissione un anno, poi sono partiti rimpalli, trattative, rinvii. E non è ancora arrivato l'emendamento con cui il governo dovrebbe riscrivere le norme sul falso in bilancio.
E oggi, due anni dopo, anche in seguito alla denuncia di Sky TG24, il presidente Grasso commenta: "Approvare una normativa in grado di colpire al cuore la corruzione mi sembrava essere l'obiettivo più urgente", oggi "il tempo delle riflessioni, delle mediazioni, degli accordi al ribasso è decisamente finito".

730 giorni dalla presentazione del ddl - Sky TG24, che da mesi si occupa della piaga della corruzione in Italia e che continua a seguire questo fenomeno con il ciclo di inchieste “Le Mani sul Paese”, ha deciso di rinnovare il suo impegno realizzando un contatore che segni i giorni, le ore, i minuti e i secondi che sono già trascorsi dalla presentazione del testo.
Il counter è in onda su Sky TG24 HD, canali 100 e 500 di Sky, sul canale 27 del Digitale Terrestre e su skytg24.it, e sarà proposto on air ogni volta che sarà trattato il tema della corruzione, fino all’approvazione definitiva della legge.

Grasso: "Questa sarà la settimana decisiva"
- Secondo quanto stabilito dalla conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama, il testo dovrebbe arrivare in Aula fra il 17 e il 19 marzo. E proprio il presidente del Senato Grasso, coglie l'occasione della campagna di Sky TG24 per tornare sul tema. "I cittadini - scrive su Facebook - sentono il peso della corruzione ogni volta che i servizi pubblici sono inefficienti, ogni volta che una scuola cade a pezzi o quando negli ospedali sono insufficienti i posti letto per prendersi cura dei nostri cari. [...] Per questo chiedono a gran voce giustizia e legalità: la politica ha il compito di agire con efficacia e in tempi rapidissimi. Il tempo delle riflessioni, delle mediazioni, degli accordi al ribasso è decisamente finito. Questa sarà la settimana decisiva. Stavolta Godot arriva".



Leggi tutto