Boldrini a Sky TG24: "Donne pagano di più la disuguaglianza"

1' di lettura

Nel giorno della Festa delle donne, la presidente della Camera, ospite de L'Intervista di Maria Latella, parla di parità di genere ma anche di riforme. E del suo ruolo dice: "Mai uscita dal perimetro istituzionale". VIDEO - INTERVISTA INTEGRALE

"Le donne sono coloro che pagano di più la disuguaglianza". Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, ne L'intervista di Maria Latella, su Sky TG24, nel giorno della Festa delle donne (INTERVISTA INTEGRALE). Tra i temi dell'intervista a parità di genere in politica e nella società contemporanea, ma anche il suo ruolo istituzionale e le prerogative della Camera, le riforme, l'emergenza sbarchi e i rischi causati dal terrorismo internazionale. 

"Mai uscita dal perimetro istituzionale"
- Sulle recenti polemiche con il premier Renzi, circa il ricorso al decreto d'urgenza (come sul caso Rai), Boldrini assicura di "non essere uscita dal perimetro istituzionale" e di "aver difeso le prerogative del Parlamento". "Se non lo facessi - dice - sarebbe problematico, allora sì che ci sarebbero delle critiche giuste e ritengo che sia normale che ci sia una dialettica tra i poteri dello Stato. Svolgo il mio ruolo con terzietà ecco perché ricevo critiche". Quanto all'ipotesi che sia Laura Boldrini a guidare una nuova area di sinistra, la presidente della Camera risponde: "E' frutto di elucubrazioni, io difendo le prerogative del Parlamento, si tratta di qualcosa di doveroso ma da lì a dire voglio fare la leader...io mi occupo del mio".



La presidente definisce poi un "momento molto brutto, pesante", l'Aventino delle opposizioni che hanno lasciato l'aula della Camera mezza vuota durante la discussione delle riforme. "Mi auguro che" questa decisione "rientri, che ci sia un ripensamento e che da da lunedi' ci sia un emiciclo bello pieno".

"No ad allarmismi sugli sbarchi" - Mentre sull'emergenza sbarchi, Boldrini esclude che sarebbe stato meglio che in Libia restasse al potere Gheddafi e invita a evitare "allarmismi" sull'immigrazione.

Leggi tutto