Expo, Renzi: "Il 2015 sarà anno felix, torniamo a correre"

1' di lettura

Il premier chiude a Milano l'evento Expo delle Idee rilanciando il ruolo del nostro Paese: "Se l'Italia fa il suo mestiere ce la giochiamo con tutti. Abbiamo cancellato la parola scandalo, ora l’Esposizione sia cartina tornasole delle nostre ambizioni"

"Se l'Italia è quello che deve essere non ce ne è per nessuno, se fa il suo mestiere ce la giochiamo con tutti nel mondo". Così Matteo Renzi all'Hangar Bicocca di Milano per Expo delle Idee, l'evento nato per gettare le basi per la "Carta di Milano", un documento che dovrebbe diventare una sorta di protocollo di Kyoto sul cibo. "No a un'economia dell'esclusione e della inequità. Questa economia uccide", ha detto Papa Francesco intervenendo con un videomessaggio. Presenti nel capoluogo lombardo diversi esponenti del governo, tra cui i ministri Boschi, Giannini e Martina.

Renzi: "2015 anno felix per lItalia" - "L'Expo non è solo un evento, non siamo un catering, una mera organizzazione di eventi. L'Italia è leader non solo nell'agroalimentare ma nell'innovazione tecnologica. Se non siamo rannicchiati può essere una grande occasione per l'identità italiana".


La parola Expo non è più associata a scandalo
- “Fino a poco tempo fa l'associazione di idee per l'Expo era 'scandalo'. Ora non più, ma non basta, non ci accontentiamo di aver cancellato la parola scandalo. Se siamo bravi nei giorni che mancano all'Expo, trasformiamo la parola chiave di Expo in identità". L'evento sarà "la cartina di tornasole delle ambizioni dell'Italia", ha assicurato il premier.



“Expo occasione per combattere ingiustizie” - L'Expo "deve essere l'occasione per combattere le ingiustizie perché se la politica smette di combattere le ingiustizie è mera organizzazione". "Dobbiamo - ha aggiunto il premier - vincere una scommessa educativa e culturale e valorizzare il significato profondo nella scelta nel campo del cibo”.

Il tweet del ministro Boschi, che dice: “L’Italia si è rimessa in moto”

Leggi tutto