Colle, Renzi al Pd: "Scheda bianca alle prime tre votazioni"

1' di lettura

Il segretario dem: "Nome secco. Chi sarà contrario, dovrà dirlo". E aggiunge: "Voto decisivo sabato mattina". Guerini: "Per la nostra candidatura aspettiamo gli incontri con le altre forze". Fassina: cercare il dialogo con FI. Civati: candido Prodi

Il Pd voterà scheda bianca alle prime tre votazioni. A dirlo è il premier Matteo Renzi all'assemblea dei deputati alla Camera indicando il metodo per eleggere il capo dello Stato (lo speciale - l'infografica). Chi non condivide il nome del candidato alla Presidenza della Repubblica, ha aggiunto il segretario Pd, "dovrà dirlo apertamente".

Voto decisivo sabato mattina - I nomi dei candidati, ha aggiunto, "non li facciamo perché poi decidano altri" ma il Pd proporrà agli altri partiti il nome di un candidato: niente terne, ma una proposta secca. Dopo aver votato scheda bianca nei primi tre scrutini, la "votazione decisiva" per eleggere il nuovo presidente sarà "la quarta", che si svolgerà "sabato mattina".

Guerini: "Aspettiamo gli incontri con le altre forze" - Poco prima dell'inizio della riunione, il vicesegretario del partito, Lorenzo Guerini, aveva spiegato: "Non penso si faranno nomi adesso, anche perché abbiamo ancora in calendario gli incontri con le altre forze politiche". I colloqui tra il segretario Pd e premier e gli altri partiti sono previsti per martedì. Il Movimento 5 stelle ha detto che non parteciperà.



Civati: candido Prodi. Fassina: dialogo con FI -
"E' sbagliata l'impostazione di cercare un candidato 'contro'. Va cercata la massima condivisione e in questo caso dobbiamo cercare l'interlocuzione con Fi". Così, a quanto si apprende, Stefano Fassina condivide la linea di Renzi all'assemble. Con una lettera al Pd, invece, Pippo Civati lancia la candidatura di Romano Prodi. Partiamo da dove ci siamo fermati nel 2013, propone l'esponente della minoranza dem.

Leggi tutto