Corruzione, Renzi: pene aumentate, maltolto sarà restituito

1' di lettura

Il Cdm ha varato il pacchetto con le nuove norme. "La pena minima passa da 4 a 6 anni, la massima da 8 a 10" ha spiegato il presidente del Consiglio in conferenza stampa. E ha aggiunto: "Siamo disponibili a mettere la fiducia se sarà necessario"

"Sulla corruzione, avevamo un impegno da mantenere", un impegno che consiste nel "cambiare le regole del gioco". Dopo un Consiglio dei ministri durato un'ora esatta, il premier Renzi esordisce con questa parole in conferenza stampa per annunciare il via libera al pacchetto anticorruzione. E a chi già pensa che sia un compromesso al ribasso, risponde: "Se questo è un compromesso, sono pronto a fare compromessi tutta la vita". Contro la corruzione "possiamo andare a testa alta". E aggiunge: "I corruttori devono pagare fino all'ultimo centesimo".


Pene più severe -
Il Cdm ha varato un disegno di legge con quattro punti: pene più severe che arrivano nel massimo a 10 anni per la corruzione, con conseguente allungamento dei termini entro in quali questo reato cade in prescrizione; patteggiamento possibile solo se si restituisce il maltolto e comunque, grazie all'innalzamento delle pene, con scarsa possibilità di sfuggire del tutto il carcere, perché "sono finiti i tempi delle uscite gratis di prigione", sintetizza Renzi (LE MISURE: SCHEDA).

La prescrizione si allunga -
Confische e sequestri dei beni che i corrotti hanno sottratto, con la possibilità di agire anche sugli eredi; e infine misure più generali per "allungare la prescrizione", ha annunciato il guardasigilli Orlando, per bloccarne il decorso due anni dopo la condanna in primo grado e un anno dopo l'appello. Ma se la prescrizione si allunga, "è fondamentale che le sentenze arrivino il più presto possibile", è l'appello rivolto da Renzi alle toghe.

Renzi: nessuna tregua ai corrotti - Il premier promette che "non si darà tregua" ai corrotti. La scelta dello strumento normativo, un disegno di legge, che prossimamente sarà trasmesso in parlamento, fa prevedere che la discussione sui contenuti è in realtà appena iniziata. Il testo inizierà l'iter dalla Camera e il Pd - annuncia il responsabile giustizia del partito David Ermini - presenterà un emendamento per consentire sconti di pena a chi collabora con gli inquirenti. Ma procedere per decreto su una materia così delicata non era possibile, "non si fanno decreti su materie penali. Non si fanno per principio", taglia corto Renzi, che però chiede alle Camere "una risposta seria e, speriamo, il più veloce possibile"; e annuncia non solo la volontà di garantire una corsia d'urgenza al ddl, ma anche di l'intenzione di "mettere la fiducia, se sarà necessario".

Leggi tutto