Mafia Capitale, Salvini: la Lega non è sfiorata

1' di lettura

Per rilanciare l’economia e impedire la corruzione serve "una flat tax del 15% di tutto quello che uno guadagna" dice il segretario del Carroccio. "L'Europa va abbattuta e ricostruita" aggiunge. Il referendum di Grillo sull'Euro? "Una presa in giro"

Una flat tax fissata al 15% "per il rilancio dell'economia, ma anche per contrastare e combattere la corruzione" perché "se il sistema fiscale è incasinato anche la corruzione si infiltra più facilmente". Il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini, incontrando la stampa estera a Roma, rilancia la proposta del Carroccio all’indomani dell’intervento del presidente del Consiglio Matteo Renzi, che ha annunciato nuove norme che porteranno da 4 a 6 anni la condanna minima per corruzione.

Flat tax contro corruzione –
La nostra iniziativa, aggiunge il segretario della Lega, "spero diventi una battaglia di tutto il centrodestra. Spero sia seria e concreta, non alla Renzi ovvero il solito bluff". E se Silvio Berlusconi indica l'aliquota del 20%, "per noi – chiarisce Salvini – è più tangibile un risultato del 15%. E se saremo forza di governo dovremo mantenere quanto detto quando eravamo all'opposizione" (L'Italia e la corruzione  -  INFOGRAFICA)

Mafia Capitale, Lega non sfiorata - Il segretario Federale prende poi le distanze dall'inchiesta della Procura di Roma sulla presunta organizzazione di stampo mafioso che ha portato all'arresto e all'iscrizione nel registro degli indagati di diversi esponenti del Campidoglio (TUTTI I VIDEO). "La Lega ha tanti difetti - afferma - abbiamo fatto tanti errori e altri ne rifaremo. Però, non abbiamo mai avuto il governo del Comune di Roma o della regione Lazio quindi, se qualche nostro ex alleato ha sbagliato qualcosa gli auguro di uscirne pulito ma dal mio punto di vista non mi sento minimamente sfiorato".
Parla anche di Alemanno, tra gli indagati nell’inchiesta Mafia Capitale. "Ci ho litigato varie volte" dice, ricordando lo scontro avuto quando l’ex sindaco di Roma voleva spostare nella Capitale il premio di Formula 1 di Monza. E non risparmia nemmeno l’attuale sindaco Ignazio Marino: "Se fossi in lui toglierei il disturbo. Ma non perché io creda che sia implicato nella vicenda della corruzione, ma semplicemente perché 'nun l'è bun', non è capace".

Salvini: l'Europa va abbattuta - Salvini, infine, punta il dito contro l'Europa: "Va abbattuta e ricostruita. A Bruxelles non c'è nulla di riformabile, ci sono solo una serie di gruppi di potere che hanno in odio l'Italia. Là c'è un nuovo muro di Berlino: prima lo abbattiamo meglio è". E accusa: "A Bruxelles si fanno scelte economiche che vogliono riportarci ad un clima di guerra fredda".

Salvini, referendum di Grillo è una presa in giro
- Quanto al referendum di Grillo sull'Euro, afferma senza mezzi termini che "è una presa in giro, una perdita di tempo. E' un referendum consultivo che la Costituzione non prevede. Ha tempi lunghi ed efficacia zero. Piuttosto facciamo un sondaggio".

Leggi tutto