M5S, dopo le regionali i dissidenti sfidano Grillo

1' di lettura

Si allarga la fronda tra gli eletti contro il fondatore del Movimento: il deputato Walter Rizzetto partecipa a una trasmissione tv e viene sconfessato dal blog. Ma in Rete deputati e senatori lo difendono e chiedono un campio di strategia

E' scontro all'interno del Movimento 5 Stelle tra Beppe Grillo e la parte più critica di deputati e senatori. A spaccarli la diversa valutazione sul risultato delle elezioni regionali e l'eventuale cambio di strategia da adottare. A dare fuoco alle polveri è la partecipazione nella mattinata di martedì del deputato Walter Rizzetto a un talk show mattutino. Dal blog di Grillo parte subito la scomunica: "Il M5s non ritorna nei talk show" e  "Rizzetto non rappresenta la posizione del M5S, né qualcuno gli ha dato questa responsabilità".

Malumori degli eletti - Un post che solleva molti malumori sia tra i commentatori del sito sia tra gli eletti. La deputata 5 stelle Gessica Rostellato lancia l'hashtag #siamotutticonRizzetto e posta la foto del deputato incriminato mentre la collega Eleonora Bechis aggiunge: "Ancora una volta ci si rinchiude nel blog invece di ascoltare #siamotuttirizzetto" e la deputata Mucci confessa di aver anche lei partecipato a una trasmissione televisiva. "Sono stanco di questi autogol del blog. Walter è stato bravissimo, serio e convincente. La gente deve conoscerci tutti. Chi se non noi rappresentano il M5S?" scrive invece il deputato Mimmo Pisano su Facebook. Durissimo poi il post della senatrice Serenella Fucksia, che chiede le dimissioni di tutto lo staff della comunicazione.



Rizzetto: "Caro Beppe, il problema è tuo" - Alla fine interviene lo stesso Rizzetto, che sul suo sito personale scrive: "Caro Beppe, vorrei capire chi scrive i post sul Blog e come mai non si firma, quasi mai. Dai feedback ricevuti mi pare evidente che il problema ora sia più tuo che mio". E il deputato non rinuncia all'affondo: "A 39 anni, in gran parte lavorati e grazie a Dio lavorati bene, non chiedo il permesso ai tuoi cortigiani - dice senza mezzi termini - per parlare del lavoro che stiamo facendo e comunicarlo a più gente possibile. Il dato elettorale dovrebbe far riflettere te, in primis".

Leggi tutto