Bersani: "Non c'è nessun bisogno del Patto del Nazareno"

1' di lettura

L’ex segretario del Pd contro l’accordo sulle riforme con Forza Italia: "Si rischia di creare un trasversalismo un po’ paludoso che lascia ai margini chi urla". Intanto il presidente dei deputati di Fi Brunetta dice: "Non ci faremo rottamare da Renzi"

"Non c'è nessun bisogno del patto del Nazareno" per fare le riforme "c'è bisogno di parlare con tutti". Pier Luigi Bersani attacca l’accordo tra Pd e Forza Italia durante un incontro di Area riformista a Milano (non risparmiando una battuta: “Quando Renzi e Berlusconi si sono trovati per rinnovarlo tutti hanno notato che la Borsa ha fatto -2,9% e Mediaset, +6%”).



Secondo l’ex segretario democratico, anche se non è questa l'intenzione, c'è il rischio che il patto del Nazareno dia l'idea di "un trasversalismo un po' paludoso che lascia ai margini chi urla". Ma così il Paese "non può funzionare", serve un bipolarismo vero. E nel caso della legge elettorale la questione dei nominati "resta un punto insuperabile". La scelta migliore sarebbe quella dei collegi "ma piuttosto che arrivare ai nominati siamo disponibili a discutere delle preferenze".

Bersani: “Passi avanti sul tema del lavoro”
- Critiche da Bersani anche sul Jobs Act, a proposito del quale riconosce che “si sono fatti passi significativi che dobbiamo rivendicare” ma sul tema “c’è stato un approccio non corretto”. “Rimettere il dentifricio nel tubetto è difficile”, ha detto utilizzando un’altra battuta.

Brunetta: “Non ci faremo rottamare da Renzi” - Ma se nel Pd il dibattito intorno alle riforme è sempre aperto, non si può dire che dentro Forza Italia regni un clima sereno. "Renzi rottama di qua e rottama di là, noi non ci faremo rottamare da Renzi", ha detto il presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, che a Verona ha partecipato ad un incontro organizzato dal Club Forza Silvio e dalla Fondazione che fa riferimento al sindaco Flavio Tosi, dedicato al futuro del centrodestra. "E' pacifico che all'interno di Forza Italia- ha spiegato Brunetta - ci sia un dibattito sul fatto di tenere ancora la spina attaccata a questo sedicente riformismo di Renzi".

Leggi tutto