Renzi: "C'è un disegno per dividere il mondo del lavoro"

1' di lettura

Il premier a Brescia dagli industriali parla di riforme: "Si è aperta opportunità pazzesca, non coglierla sarebbe un errore". Squinzi lo incoraggia: si è assunto un pesante fardello. Cgil e centri sociali in piazza: tensione con forze dell'ordine (FOTO)

"Si è aperta un'opportunità pazzesca, non coglierla sarebbe un errore gravissimo. Se facciamo ciò che siamo in grado, l'Italia dei prossimi anni sarà locomotiva in Europa. Ma bisogna aver coraggio di dire che è finito il tempo dei si farà: ora o mai più. Ecco il senso dell'urgenza che muove me e il mio governo".
E' quanto dice il presidente del Consiglio, intervendo all'assemblea annuale dell'Associazione industriali bresciani che si tiene all'interno della fabbrica Palazzoli.
"Se vogliono contestare il governo lo facciano", aggiunge, senza fare del mondo del lavoro "un campo di gioco di uno scontro politico". "Si affrontino le questioni del Jobs act. Se si vuole attaccare il governo ci sono altre strade, senza sfruttare il dolore dei disoccupati.

"C'è un disegno per dividere il mondo del lavoro" - Per Renzi "dobbiamo evitare un rischio pazzesco": c'è "un disegno per dividere il mondo del lavoro". Ma "non esiste una doppia Italia, dei lavoratori e dei padroni: c'è un'Italia unica e indivisibile e questa Italia non consentirà a nessuno di scendere nello scontro verbale e non solo, legato al mondo del lavoro".
E se Confindustria elogia il premier per lo sforzo che ha deciso di assumersi, Renzi è stato accolto anche da manifestazioni di protesta di sindacati e centro sociali.

Cgil in piazza - La Cgil tiene un'assemblea proprio all'esterno della fabbrica che ospita il premier e nello stesso posto si conclude anche un corteo di un centro sociale. Nei giorni scorsi la Fiom di Brescia aveva scritto a Renzi facendo notare come la Palazzoli fosse una delle poche aziende bresciane che impedisce al sindacato di categoria della Cgil di poter fare assemblee retribuite. L'azienda ha deciso di sospendere la produzione per un giorno con i dipendenti costretti alla giornata di ferie forzata.



La protesta dei centri sociali: un poliziotto e un carabiniere feriti - Ma quella della Fiom-Cgil non è l'unica protesta nei confronti del presidente del Consiglio: il centro sociale Magazzino 47 ha infatti organizzato una manifestazione che terminerà davanti agli stabilimenti dove si tiene l'assemblea degli industriali. Durante la protesta, si sono vissuti momenti di tensione con la polizia, quando un gruppo di manifestanti ha deviato il percorso tentando di avvicinarsi il più possibile alla Palazzoli. Due agenti sono rimasti feriti (FOTO).



Squinzi: "Bene Renzi per fardello che si è assunto" - Una reazione nettamente diversa arriva invece dal presidente degli industriali Squinzi: "Lei - dice rivolgendosi a Renzi (VIDEO) - si è assunto il pesante fardello di far uscire l'Italia dalle secche di regole e culture sorpassate che sappiamo ci condurrebbero a un lento ma inarrestabile declino". Prima di aggiunger: "Di questo arduo impegno non possiamo che esserle grati: se ne sentiva la necessità. Non bisogna temere anzi bisogna attendersi qualche dispiacere e non poco dissenso: sono resistenze dovute a inerzie e privilegi del passato delle quali un po' tutti hanno beneficiato".

Leggi tutto