De Magistris a Sky TG24: sentenza inverosimile, mi ricandido

1' di lettura

Il sindaco di Napoli, condannato in primo grado, ribadisce di non volersi dimettere e annuncia la candidatura per il 2016: "Ricostruirò il mio consenso giorno dopo giorno". E aggiunge: "Se mi sospendono continuerò a fare il primo cittadino per strada"

"Nel 2016 mi ricandido a sindaco di Napoli". Nessuna marcia indietro, nessun tentennamento. Dopo la condanna in primo grado nel processo Why Not, la rabbia esplosa prima su Twitter e poi in consiglio comunale con annesso attacco ai giudici, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris continua ad andare dritto per la sua strada.
"Ricostruirò il mio consenso giorno dopo giorno, e alla fine come sempre decideranno i cittadini", spiega a Sky TG24 il primo cittadino.

"Secondo me la legge non prevede nessun automatismo - afferma poi De Magistris parlando della Legge Severino - ma se il prefetto ritiene di applicarla con la mia sospensione non è che io voglia scatenare la fine del mondo. Il vicesindaco assumerà le mie funzioni ma io sarò sempre il sindaco eletto dai cittadini e alla fine della sospensione riassumerò il mio incarico. Nel frattempo farò il sindaco per strada". In che modo? "Sistemerò aiuole con i miei concittadini, farò iniziative con loro. Pur sospeso, sarò sempre io il sindaco. La mia squadra è lì, la mia maggioranza è compatta e si è ampliata. Napoli oggi è senza rifiuti e piena di turisti, andiamo avanti senza farci intimidire".

Leggi tutto