Napolitano: "Nessuna pressione sui parlamentari ribelli"

1' di lettura

Il Quirinale in una nota: "Il Presidente della Repubblica segue con preoccupazione gli sviluppi della situazione parlamentare". E smentisce la notizia di presunte telefonate ad alcuni senatori. Grillo convoca i suoi a Roma per lunedì

"Il Presidente della Repubblica segue con preoccupazione gli sviluppi della situazione parlamentare, ma è destituita di ogni fondamento la notizia di sue telefonate di pressione a "parlamentari ribelli" riportata su Internet e su un quotidiano". E' quanto scritto in una nota diffusa dal Quirinale.

Le parole del Capo dello Stato arrivano in un fine settimana di trattative sulle riforme, con l'obiettivo di riprendere il dibattito da lunedì in un clima più sereno dopo il duello di venerdì tra Grillo e Renzi.

Proprio il leader del Movimento 5 Stelle ha convocato i suoi parlamentari per lunedì a Roma. E in un post sul suo blog si è rivolto a Roberto Benigni: “Bischeraccio – si legge in un post firmato Lalla M. - tu che nel dicembre 2012 leggevi la Costituzione italiana alla Rai definendola 'la più bella del Mondo' ora che un tuo conterraneo, toscanaccio come te, tal Renzi e un partito a te caro, il Pd, la stanno sfasciando, se ci sei batti un colpo!".

Leggi tutto