Boschi: "Non c'è più spazio per le trattative"

1' di lettura

Il ministro punta al voto sul Senato entro il 10 agosto. “Non possiamo passare il tempo a mediare tra le loro correnti”, dice al M5S. Intanto Berlusconi archivia la grazia: “Non è un tema in agenda”. Nuovo appello di Alfano per l'unità dei moderati

Il ministro delle riforme Maria Elena Boschi dice stop alle trattative sulle riforme ed accelera, puntando sul voto sul Senato entro il 10 agosto. "Non vedo grandi margini di trattativa sulle modifiche richieste - osserva in un'intervista alla Stampa - Speriamo di chiudere le votazioni sulla riforma del Senato qualche giorno prima del 10 agosto". E al Movimento 5 Stelle dice: "Non possiamo passare il tempo a mediare tra le loro correnti". Sull'immunità ricorda che il testo base del governo era per "toglierla lasciando solo l'insindacabilità sulle opinioni espresse dei senatori, poi abbiamo ritenuto che fosse ragionevole la tesi secondo cui il Senato debba avere lo stesso tipo di garanzie dei deputati".

Berlusconi archivia la grazia. Appello di Alfano per l'unità dei moderati - Intanto, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, Silvio Berlusconi esclude l'ipotesi della grazia: "Non è un tema in agenda", avrebbe detto. Al leader di Forza Italia arriva invece l'appello di Angelino Alfano perché riavvicini il partito all'area moderata partecipando "alla grande alleanza popolare" e costruendo "il partito popolare europeo anche in Italia con Ncd, Udc e tanti altri moderati" e si allontani dalla "destra estrema, razzista, anti-europea e avversaria del Ppe". In un'intervista al Messaggero il ministro dell'Interno chiarisce che Berlusconi "non ha più né la Forza Italia del 30% né il Pdl del 38%. E' cambiato tutto. Noi intanto diamo vita al Ppe con chi sentiamo più vicino". All'ex Cavaliere "non chiediamo atti di generosità, ma una linea politica compatibile con la nostra". Anche Toti in Forza Italia apre ad un dialogo dopo la sentenza Ruby che dà a Berlusconi "più forza nel rifare quello che ha sempre saputo fare benissimo. E cioè riunire i moderati".

Leggi tutto