Renzi: "Riforme anche se Berlusconi fosse stato condannato"

1' di lettura

Dal Mozambico il premier spiega che il patto con Forza Italia "è un accordo istituzionale, perché nei paesi civili si va avanti insieme". Sul M5S: "Ricorda le correnti dei partiti della Prima Repubblica. Ma se vuole parlare con noi, ci siamo"

Dopo l'assoluzione di Silvio Berlusconi nel processo d'appello del caso Ruby arrivano le parole di Matteo Renzi, secondo cui "le sentenze non si commentano e bisogna rispettare il lavoro dei magistrati". Riguardo al percorso delle riforme, su cui già venerdì l'ex Cavaliere aveva garantito la prosecuzione del sostegno di Forza Italia, il premier, che si trova in visita di Stato in Mozambico, ha spiegato che "saremmo andati avanti lo stesso, anche se Berlusconi fosse stato condannato". Renzi ha poi ricordato che il patto con Forza Italia è "un accordo istituzionale perché in un Paese civile è meglio se si va avanti insieme".

Renzi: "Grillo fa teatrino politico" - Non è mancata poi una stoccata nei confronti di Beppe Grillo, che venerdì ha abbandonato il tavolo delle riforme con il Pd, accusato da Renzi di fare "un teatrino politico", che "ricorda le correnti dei d partiti della Prima repubblica con la differenza che non ha i voti. Se vuole parlare con noi ci siamo ma la nostra priorità è fare le riforme".  Renzi sottolinea che per lui la priorità sia rilanciare l'economia: "Abbiamo il problema dei posti di lavoro e degli investimenti, dobbiamo far ripartire molte zone industriali come Piombino e Bagnoli. Non voglio stare dietro ai continui e costanti passi avanti e indietro di balletti da prima repubblica che non mi affascinano".

Sull'immgrazione: "Mare Nostrum salva vite umane" - Sulla strage di migranti, che ha visto morire 18 persone a bordo di una barca nello Stretto di Sicilia, il premier ha affermato che "se vogliamo davvero risolvere la questione dell'immigrazione, dobbiamo partire dalla radice, intervenire nei Paesi da cui l'immigrazione parte e dare occasioni di sviluppo, di benessere, di pace e di libertà. Serve ciò che stiamo facendo in Mozambico, non slogan o spot di qualche ideologo con la camicia colorata. L'operazione Mare Nostrum - ha aggiunto - fa la sua parte per salvare quante più vite possibili".

Leggi tutto