Legge elettorale, la Lega apre al testo dei 5 Stelle

1' di lettura

Il leghista Calderoli: “Tranne alcune fantasie è un'ottima legge, un modello spagnolo ma con le preferenze”. Grillo attacca Berlusconi: “Inciucio Pd-M5S? E’ lui che inciucia da 20 anni”. Di Maio a Sky TG24: “Collaboriamo ma restiamo all’opposizione

"Tranne alcune fantasie è un'ottima legge". In attesa dell’incontro della prossima settimana tra il Pd e il M5S sulla legge elettorale, il senatore della Lega Nord Roberto Calderoli giudica positivamente il testo dei 5 Stelle: "Alla fine quello proposto dal M5S è un modello spagnolo ma con le preferenze. Sono sempre stato a favore del modello spagnolo, perciò, se c'è chi lo propone, non posso che approvarlo".
Calderoli esprime dubbi, invece, sull'introduzione della preferenza negativa che - sottolinea - "raddoppia il potenziale di voto scambio e di strumentalizzazioni insito nel meccanismo". In merito all'elezione dei membri del Senato, invece, "vedremo, ma una volta chiuso l'accordo" generale.

Renzi di nuovo al Colle - Intanto nella giornata di oggi, martedì 17 giugno, il premier Matteo Renzi è salito nuovamente al Quirinale, dopo l’incontro di lunedì proprio sulle riforme. Una colazione di lavoro tra il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e il presidente del Consiglio, insieme a una delegazione di ministri. Un'occasione, a quanto si apprende, per fare il punto in vista delle prossime scadenze in ambito Ue, e del Consiglio dei ministri di venerdì. Martedì il governo ha incassato anche la fiducia della Camera sul dl Irpef: il voto finale arriverà mercoledì 18.

Grillo attacca Berlusconi - Sempre in giornata Beppe Grillo ha attaccatto in un post Silvio Berlusconi: "I giornali di questo individuo parlano proprio di incucio tra il M5S e il PD per una discussione che sarà trasparente e in streaming sulla legge elettorale, lui che inciucia da vent'anni per salvare il suo patrimonio".

Toninelli (M5S): streaming tra Renzi e Berlusconi - Il vicepresidente della commissione Affari Costituzionali della Camera, il deputato 5 Stelle Danilo Toninelli, chiede quindi a Renzi di adottare lo streaming in caso di un eventuale incontro tra il premier  e Berlusconi: “Perché noi e tutti i cittadini dobbiamo sapere quello che si diranno”.

Leggi tutto