Renzi: "Se Pd va sotto il 30% non mi dimetto"

1' di lettura

Il premier  ribadisce che da lunedì "non cambia il parlamento italiano". Beppe Grillo intanto annuncia processi online per politici, industriali e giornalisti. Spread torna a 200 punti. Napolitano: "Italia ha bisogno di serenità". AGGIORNAMENTI

Toni sempre più accesi a pochi giorni dal voto per le Europee (LO SPECIALE - LE FOTO - I VIDEO). All'indomani del forte scontro che ha visto protagonisti il leader M5S Grillo e Silvio Berlusconi, Renzi dice la sua: "Nella Ue non abbiamo bisogno di pagliacciate". "L'Italia - spiega - merita di più dei 'vaffa' e delle urla, perché ha bisogno di un cambiamento con determinazione". Nella serata di mercoledì poi ricorda che la tornata elettorale riguarda l'Europa e non l'Italia: " Non mi dimetterò se il Pd scenderà sotto il 30%", prima di aggiungere: "Posso andare a casa domani mattina ma lo faccio se il Parlamento mi impedisce di fare le riforme. Non sono aggrappato alla seggiola, vado a casa se mi manda a casa il Parlamento".

Grillo: "Processo online ai politici" - Intanto Grillo rilancia l'idea di un "processo" nei confronti di politici, industriali e giornalisti: "Questo orrendo trio - scrive sul blog - va giudicato attraverso un processo popolare, mediatico che inizierà dopo le elezioni europee". Poi elogia una "rabbia giusta che ci ha uniti per diventare il primo movimento italiano".

Berlusconi torna ad attaccare il leader M5S - E contro Grillo rilancia anche Silvio Berlusconi: "Io non ho mai insultato nessuno, né nella vita privata né, soprattutto, in quella pubblica. Ho solo ricordato un dato di fatto - spiega l'ex premier - Grillo ha avuto un comportamento indecente nei miei confronti e, visto che lui moraleggiava, verso di me ho ricordato che è condannato per aver ucciso, con colpa grave, tre persone nell'88, per non aver rispettato le regole e essersi inoltrato con la sua auto su una strada con lastroni di ghiaccio che costeggiava un burrone".
E in giornata interviene anche il capo dello Stato: "L'Italia ha bisogno di fiducia e serenità nella competizione elettorale", dice Napolitano da Lugano.


La cronaca della giornata


Leggi tutto