Renzi: "Hitler non si cita neanche per scherzo"

1' di lettura

Il presidente del Consiglio, dall'Emilia colpita dal sisma, risponde a Grillo. Poi lancia la sfida: "Se ce la fa il governo, ce la fa anche l'Italia". E propone il "Daspo ai politici che prendono le tangenti"

"Se ce la fa il governo, ce la fa l'Italia. Scommettere sulla sconfitta dell'Italia non è una cosa da italiani, salveremo questo paese dai gufi, dai disfattisti". Matteo Renzi, in tour istituzional-elettorale nell'Emilia colpita dal sisma due anni fa (lo speciale), se la prende con chi fa il tifo contro. Uno su tutti, sempre secondo il presidente del Consiglio e segretario del Pd, il leader del M5S Beppe Grillo, che il premier attacca per i fischi all'inno e per l'evocazione di Hitler ("Io non sono Hitler, io sono oltre Hitler" ha detto il comico genovese a Torino, davanti a una piazza Castello gremita).

Renzi: Hitler non si cita nemmeno per scherzo - "Berlusconi e Grillo si sono rinfacciati 'faccio la marcia su Roma'. Ma ci sono pagine del passato che non vanno citate nemmeno per scherzo. Di Hitler non si parla nemmeno per scherzo" ha detto Renzi. VIDEO


Da Renzi è arrivata anche una risposta tutta politica su uno dei temi portanti della piattaforma politica e della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle. "Parlano di reddito di cittadinanza? Gli italiani non chiedono l'elemosina di stato, chiedono di lavorare e per questo bisogna mettere le aziende in condizioni di assumere". Ed è tornato a definire, invece, "vergognosi" quelli che l'etichetta di elemosina la mettono al provvedimento che taglia l'Irpef di 80 euro per i lavoratori dipendenti.

Daspo a politici per tangenti - Il presidente del Consiglio, che ha iniziato il suo lungo tour alle sette e mezzo, andando ad allenarsi alla Technogym di Cesena (LE FOTO), ha poi proseguito con comizi vecchio stile con relativo bagno di folla: a Forlì, a Modena, a Reggio Emilia. E proprio da Forlì ha lanciato la proposta di un "daspo ai politici che prendono le tangenti". E ha assicurato: "Non lasceremo l'Expo in mano a chi prende tangenti".

Leggi tutto