Berlusconi: "Mie dimissioni responsabili, ma non libere"

1' di lettura

L'ex premier torna sul presunto "complotto" europeo contro di lui nel 2011. E a proposito della vicenda giudiziaria dell'ex ministro dell'Interno Scajola: "Ha certamente sbagliato" ma, come Dell'Utri e Cosentino, "non partecipa alla vita del partito"

Claudio Scajola "certamente ha sbagliato". A dirlo, a La 7, è Silvio Berlusconi, secondo cui sia l'ex ministro dell'Interno che Dell'Utri e Cosentino: "Sono persone che hanno storie personali", "mi addolora  - dice l'ex premier - che hanno avuto queste cose, da tempo non partecipano alla vita del partito". E al direttore dell'Unità che gli chiede se fosse stato lui a consigliare a Dell'Utri di andare in Libano, risponde: "Ma non è vero, lei mi offende. Il Libano ha un trattato di estradizione e lei pensa che io sarei così stupido da consigliare ad uno di andare in Libano?"

"Le mie dimissioni furono responsabili, non libere" - L'ex premier risponde poi al Quirinale sulla vicenda di un presunto "complotto" europeo per farlo dimettere nel 2011.
Le mie dimissioni furono "responsabili, ma non libere", dice. Secondo l'ex segretario del Tesoro Usa, Timothy Geithner, al G20 del 2011, in piena crisi finanziaria, non meglio precisati "funzionari europei" avrebbero chiesto agli Stati Uniti di sostenere il tentativo di far cadere il governo di Berlusconi. Il tentativo sarebbe stato però respinto dall'amministrazione di Barack Obama, sempre secondo l'ex ministro."Ci sono dei fatti enormi che necessitano una commissione d'inchiesta", dice ancora il leader di Forza Italia. "Napolitano - aggiunge - non ha sbugiardato me. Ho chiesto solo cosa fosse successo in occasione del G20".

"Inchiesta Expo, nessuna responsabilità di Forza Italia" - Berlusconi parla poi dell’inchiesta sull’Expo e dice che "non ci sono responsabilità del nostro movimento". "Non ho mai incontrato nessuno, il signor Frigerio, che è un vecchio uomo della Democrazia cristiana, che ho conosciuto 30 anni fa, mi fa la cortesia di mandarmi ogni tanto dei suoi pensieri sulla situazione economica mondiale, europea ed italiana. Tanto è vero che li abbiamo rintracciati nei nostri archivi e questa mattina il mio legale va a consegnarli tutti, non ne manca nessuno, alla Procura".

Leggi tutto