Riforma Terzo settore: ipotesi servizio civile universale

1' di lettura

Renzi apre la consultazione tra i cittadini. La discussione porterà un ddl delega che sarà in Cdm il 27 giugno. La leva "per la difesa della patria" è aperta ai giovani dai 18 ai 29 anni, anche stranieri. Il premier a Milano per l'Expo

"Assicurare una leva di giovani per la 'difesa della Patria' accanto al servizio militare", con la creazione di "un Servizio Civile Nazionale universale". E' una delle ipotesi avanzate dal governo Renzi e previste dalla proposta di riforma per il Terzo Settore. Il presidente del Consiglio, intanto è impegnato anche sul fronte Expo. Oggi, a Milano, dopo aver fatto vista ad una scuola del capoluogo lombardo (VIDEO e FOTO), il premier è andato in via Rovello, sede operativa dell'Esposizione Universale. "Facciamo pulizia" ha detto Renzi che, dopo le inchieste e gli arresti legati agli appalti, ora lavora ad una task force anticorruzione, mentre arrivano le prime ammissioni.

Riforma Terzo settore - E prosegue anche il cammino del governo sulle riforme. Il presidente del Consiglio ha infatti presentato via Twitter il testo di discussione e aperto da oggi al 13 giugno, una consultazione tra i cittadini sulle linee guida da lui presentate attraverso la mail terzosettorelavoltabuona@lavoro.gov.it. La sintesi della discussione porterà un ddl delega che sarà in Cdm il 27 giugno.


Per un welfare partecipativo - Uno degli obiettivi, si legge nella proposta di riforma del governo, "è costruire un nuovo welfare partecipativo, fondato su una governance sociale allargata alla partecipazione dei singoli, dei corpi intermedi e del terzo settore". E ancora: "Ammodernare le modalità di organizzazione ed erogazione dei servizi, rimuovere le sperequazioni e ricomporre il rapporto tra Stato e cittadini, tra pubblico e privato, secondo principi di equità, efficienza e solidarietà sociale".

Istituire servizio civile nazionale universale - Il "Servizio Civile Nazionale universale" invece sarebbe aperto ai giovani dai 18 ai 29 anni, anche stranieri,  fino a 100mila l'anno. Si tratta di una leva "per la difesa della patria", accanto al servizio militare per garantire a 100mila giovani all'anno di poter svolgere per otto mesi, prorogabili di quattro, e aperta agli stranieri, il servizio civile. Tale servizio prevederà dei benefit sotto forma di crediti formativi o tirocini e si potrà svolgere in parte nei Paesi dell'Unione europea.

Riordinare la fiscalità e potenziare 5 per mille - Tra le linee guida della riforma proposta dal governo Renzi, anche il riordino della fiscalità e il potenziamento del 5 per mille: "Dare stabilità e ampliare le forme di sostegno economico, pubblico e privato, degli enti del Terzo settore", attraverso "il riordino e l'armonizzazione delle diverse forme di fiscalità di vantaggio per gli enti del terzo settore" e il "potenziamento del 5 per mille".

Leggi tutto