Redditi, Renzi: “Dal prossimo anno elimineremo il 740”

1' di lettura

L’annuncio del premier nel corso di una visita a Genova: “Cambieremo un certo modello di dichiarazione dei redditi”. E ai dipendenti dell’Istituto Italiano di Tecnologia dice: “Da voi ci aspettiamo il Nobel, l’Italia deve smettere di fare sogni piccoli”

"Siete bravissimi, ma non basta. Noi da voi ci aspettiamo il Nobel. Dobbiamo puntare lì. Perché l'Italia deve smettere di fare sogni piccolini". Così il premier Renzi si è rivolto ai ricercatori dell'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova. "In questi mesi hanno prevalso gli insulti, sta vincendo il rancore - ha aggiunto Renzi - per fortuna c'è anche un'Italia che funzione come questa".
Il premier, nel corso del suo discorso, ha anche annunciato (prendendo spunto dalla precedente attività dell’Itt: “non so se i vostri competitor avrebbero avuto la forza in dieci anni di passare come voi dall'essere un archivio di modelli 740 della guardia di finanza a questa cosa qui”) una riforma del modello per la dichiarazione dei redditi: "Il 740, fortunatamente per loro, non ce l'hanno negli altri paesi e non l'avremo nemmeno noi, perché dal prossimo anno elimineremo un certo modello di dichiarazioni dei redditi".

"Posti come questo - ha detto Renzi tornando a parlare ai dipendenti dell’Itt- rendono orgogliosi di essere italiani e umanoidi". "Un politico verrebbe qua a dirvi bravi - ha aggiunto Renzi - io dico che non basta, a rischio di prendere botte. Non nego il vostro valore e vedo qui che il futuro del nostro Paese è straordinario, più affascinante del suo passato. Qui c'è l'eccellenza tecnologica combinata con la realtà quotidiana. Da qui si può immaginare la città futura e la fabbrica del futuro, diversa da quello che possiamo immaginare".

Leggi tutto