Renzi: "Mercoledì la riforma della pubblica amministrazione"

1' di lettura

Il premier ribadisce su Twitter l'intenzione di affrontare il tema il prossimo 30 aprile. Verso lo stop agli esuberi, si pensa a prepensionamenti. La Cgil: "Prima occorre confrontarsi". Attesa per decisioni su eventuali modifiche al testo sul Senato

Potrebbe richiedere qualche giorno in più del previsto l'annunciata riforma della pubblica amministrazione che Matteo Renzi puntava a chiudere entro il mese di aprile. Il premier, abituato a dettare rigorose tabelle di marcia, intende comunque iniziare mercoledì, ultimo giorno utile di aprile, almeno un ragionamento. Convinzione questa ribadita anche su Twitter:



Il premier incontrerà i parlamentari del Pd - Proprio mercoledì potrebbe infatti essere convocato il prossimo Consiglio dei ministri, probabilmente in assenza del ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, "in missione" a Londra. Un intento, questo, che si collega inevitabilmente anche con la riforma del Senato, su cui i democratici si sono spaccati. Di questo e di pubblica amministrazione, Renzi, secondo le ultime indiscrezioni, dovrebbe discutere con i parlamentari del Pd nelle prossime ore.

Verso lo stop agli esuberi - Alla P.A. è del resto il ministro Marianna Madia a lavorare, assistita dal sottosegretario Angelo Rughetti. Le parole d'ordine sono quelle twittate da Renzi pochi giorni fa: meno burocrazia per le imprese e "più merito, più mobilità, più qualità" per chi nella pubblica amministrazione ci lavora.
Di sicuro comunque niente esuberi. Almeno non quelli proposti dal commissario alla spending review Carlo Cottarelli, che ne aveva indicati 85.000. Non moltissimi, considerando i 3 milioni di lavoratori del settore, ma comunque troppi, quasi da tabù, secondo il premier. Meglio interventi mirati e specifici.

Ipotesi prepensionamenti - L'idea sarebbe quella di un programma di prepensionamenti, o meglio di uscite anticipate strettamente legate all'ingresso di giovani disoccupati o precari, vero obiettivo della misura. Una spinta dovrebbe arrivare anche alla mobilità, quella che lo stesso Cottarelli aveva indicato come alternativa ai tagli e che si punta ad introdurre in modo obbligatorio ma "sano", rispettando cioè i diritti dei lavoratori ed eliminando gli ostacoli burocratici. Ultimo tema scottante quello degli stipendi dei dirigenti, anche se una bella stretta è di fatto già arrivata con il tetto a 240.000 euro imposto con la spending review.

Sindacati in trincea - Che il giorno clou sia effettivamente mercoledì o meno, i tempi comunque stringono e i sindacati sono già in trincea.
Dopo un primo colloquio preliminare con la Madia, le organizzazioni non sono state più ascoltate dal governo ed ora chiedono a gran voce un confronto. "Sarebbe grave - afferma la Cgil - se, entro aprile, il Governo varasse una sconosciuta riforma della pubblica amministrazione senza alcun confronto e solo sulla base di slogan che fanno riferimento a ruspe, riduzione delle retribuzioni, esuberi, mobilità obbligatoria e altro ancora". Sulla stessa linea la Cisl che ritiene "sbagliato che non si approfondiscano preventivamente con i sindacati le decisioni da prendere".

Leggi tutto