Europee, polemiche tra Lista Tsipras e M5S per uno spot

1' di lettura

La lista che appoggia il leader greco di Syriza ha diffuso su Youtube un video elettorale ironico in cui un sostenitore del Pd va dalla psicoanalista. Il deputato dei 5 Stelle Carlo Sibilia se n'è appropriato cambiando il finale. E su Twitter è scontro

Tra Lista Tsipras e Movimento 5 Stelle è scontro aperto. A creare polemiche e malumori è uno spot elettorale, anzi due, tra accuse di furti e tweet al veleno. Tutto nasce da un video diffuso il 31 marzo sul canale ufficiale Youtube de "L'altra Europa con Tsipras". La lista, che si presenterà alle prossime elezioni europee sostenendo la candidatura alla presidenza della Commissione Europea del leader greco di Syriza, ha realizzato un nuovo spot ironico. Dopo quello dei simpatizzanti di sinistra al bar, questa volta prende in giro un elettore del Pd dall'analista:


Il protagonista è confuso, in crisi di identità e tende a rimuovere i passaggi politici che hanno visto protagonista il Partito democratico dalla fiducia al governo Monti, alle larghe intese con Berlusconi, fino ad Alfano ministro nel governo Renzi.

Lo spot "rubato" - Il video è diventato presto virale ma nel pomeriggio del 1° aprile è iniziata a circolare una seconda versione dello spot. Esattamente identica in tutto, tranne che per il finale. Nel video originale si sente la frase "Se sei di sinistra e vuoi smettere di soffrire, vota L'altra Europa con Tsipras". Nella versione rifatta, invece, anziché il logo di Tsipras compare il deputato del Movimento 5 Stelle Carlo Sibilia, seduto a Montecitorio, che invita a votare per i suoi "se la sinistra italiana ti fa così schifo che devi votare la sinistra di un altro Paese piuttosto alle Europee vota il M5S":


Sibilia, sul suo canale Youtube, ha specificato che si tratta di una "libera interpretazione in chiave ironica". Ma i militanti di Tsipras non hanno gradito e lo scontro si è presto spostato sui social network. Su Twitter, decine di cinguettii accusano l'onorevole del M5S di aver rubato il video.


La responsabile della campagna online per Tsipras, Claudia Vago (@tigella), ha commentato: "Prende un nostro video, taglia il finale e lo fa diventare un video pro M5S. Che dite, gli diciamo qualcosa?".

Anche l’autrice dello spot originale, la giornalista e autrice satirica Francesca Fornario, intervistata da Repubblica, ha dichiarato di essere "rimasta basita. Il taroccamento è talmente surreale che probabilmente rivela il desiderio inconscio di Sibilia di votare per Tsipras".

Dopo alcune ore di polemiche, il deputato dei 5 Stelle ha twittato: "Quanto rumore. Auguro tanta coerenza a Tsipras e chi lo sostiene. In bocca al lupo. Pace e serenità".

Alla fine, dopo la bagarre, nella mattinata del 2 aprile il video di Sibilia è stato rimosso da Youtube, come annunciato sul profilo Twitter della lista Tsipras.

Leggi tutto