Riforma Senato, Renzi: "Capisco le resistenze, ma non mollo"

1' di lettura

Lunedì 31 il testo in cdm. I dubbi di Grasso: "Almeno una quota dei senatori siano regolarmente eletti". Il premier replica: "Mai più bicameralismo perfetto, la musica deve cambiare". Veltroni a Sky TG24: basta con le mezze riforme

A meno di 24 ore dal Consiglio dei ministri chiamato a varare il ddl sulle riforme è scontro aperto tra il premier Renzi e il presidente del Senato Pietro Grasso. Il primo avverte che sulla revisione del bicameralismo non intende mollare, mentre il secondo, in due interviste a sorpresa che spiazzano l'esecutivo, afferma: la Camera Alta deve restare elettiva, altrimenti, il combinato disposto del ddl annunciato da Renzi ("con il Senato composto da esponenti delle autonomie non scelti direttamente dai cittadini") con l'Italicum "mette a rischio la democrazia".

Botta e risposta Grasso-Renzi -
Grasso parlando a La Repubblica e a l'Unità (la rassegna stampa). è categorico: non bisogna abolire il Senato, che deve restare un'assemblea di eletti, perché serve "una Camera che sia di controllo e di garanzia". E altrettanto secca è la replica di Renzi al Tg2: "Mai più bicameralismo perfetto". Il Senato "non sarà più elettivo, altrimenti sarebbe una presa in giro nei confronti degli italiani". Il modello che lunedì il governo illustrerà al Cdm, "rispetta la Costituzione", assicura il premier. "Bisogna andare avanti e non tornare indietro. Capisco le resistenze di tutti, ma la musica deve cambiare" e "il vero modo per difendere il Senato non è una battaglia conservatrice", incalza Renzi, che probabilmente nei prossimi giorni avrà la sponda del Colle, che in passato si era già espresso per la fine del bicameralismo. E un sostegno alle riforme arriva anche da Berlusconi che però pianta ben saldi i suoi paletti: noi ci siamo ma non accetteremo mai "testi blindati".
In serata interviene anche il sottosegretario Graziano Delrio che conferma la linea: la "proposta" del governo punta ad un Senato non eletto perché in Italia "c'è un sistema barocco" il che, "non è un problema per i senatori ma per i cittadini".

Il documento di 25 senatori Pd - Ma se il governo "non molla", anche Grasso insiste e dopo le interviste assicura in Tv da Lucia Annunziata che il suo "vuol essere solo un contributo", ma che come tale vorrebbe che venisse ascoltato. "Io sono il primo rottamatore del Senato e non sono neé un parruccone né un conservatore", precisa. "Ma non si può cambiare la Costituzione a colpi di fiducia come si è fatto per le Province", mentre una riforma monocamerale, unita all'Italicum, può presentare "un rischio per la democrazia". Grasso ricorda di aver già avanzato le sue perplessità con il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi, ma di non aver avuto "alcun ritorno". Poi, dà al premier un consiglio che suona come un avvertimento: se sulla riforma le cose restano così, "i numeri al Senato rischiano di non esserci".
E le sue affermazioni sembrano risvegliare la fronda anti-riforma. In un documento, 25 senatori Pd, guidati da Francesco Russo, rivendicano di non essere "meri esecutore" e invitano Renzi "ad ascoltare le tante voci" e a "non porre ultimatum". Pippo Civati annuncia che nelle prossime anche verrà presentata una proposta di riforma costituzionale diversa dal ddl del governo che prevede, al contrario di quella del governo, un Senato elettivo.

Scontro sulle riforme - Libertà e giustizia, poi, lancia un appello dal titolo "Verso la svolta autoritaria", che ha come primi firmatari Gustavo Zagrebelsky e Stefano Rodotà. "Stiamo assistendo impotenti al progetto di stravolgere la nostra Costituzione da parte di un Parlamento esplicitamente delegittimato da una sentenza della Corte costituzionale", si legge nel testo che viene sottoscritto da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio che parlano a loro volta di "deriva autoritaria".
E anche FI non fa sconti. Giovanni Toti parla di proposta-bluff mentre Renato Brunetta descrive lo scontro Renzi-Grasso come "una crisi istituzionale senza precedenti" evocando l'intervento del presidente Napolitano per fare chiarezza.
In linea con le riforme annunciate dal governo è Alfano che avverte come "conservatori e difensori dell'esistente ci troveranno dall'altra parte". Ma al Ncd la bozza delle riforma in serata non è ancora arrivata. E questo al momento crea non pochi malumori. "Se pensano di metterci davanti al fatto compiuto per poi puntarci un coltello alla gola si sbagliano di grosso", sintetizzano alcuni alfaniani al Senato.

Leggi tutto