Tour europeo per Renzi. E Berlino parla di riforme ambiziose

1' di lettura

Il premier sabato 15 marzo incontra Hollande, lunedì Angela Merkel. Intanto il commissario della spending review "trasloca" a Palazzo Chigi. Scontro sul lavoro. Poletti: "Favorite le assunzioni". Camusso a Sky TG24: "Provvedimenti che inducono precarietà"

Il governo tedesco è "consapevole dell'ambizioso progetto di riforme del governo Renzi". Il portavoce di Angela Merkel non anticipa i contenuti dell'incontro di lunedì tra il premier italiano e la cancelliera ma dà per scontato che uno degli argomenti sarà proprio quello delle riforme in Italia. Prima di Berlino, il presidente del Consiglio andrà a Parigi. Sabato 15 marzo è infatti previsto l'incontro tra Renzi e il capo dell'Eliseo Francois Hollande.
A Roma nel frattempo il commissario alla spending rewiev Cottarelli ha illustrato le proposte al comitato interministeriale: un percorso delle singole voci per costruire la revisione della spesa con risultati a breve e nell'arco del triennio.

Berlino: "Programma ambizioso" -
Berlino dunque plaude al piano di riforme economiche presentato due giorni fa da Matteo Renzi. Il portavoce della cancelliera tedesca Angela Merkel ha detto: "Ci aspettiamo che il  premier illustri il suo ambizioso programma di riforme alla  cancelliera e che ne discutano". Steffen Seibert ha poi ricordato che Italia e Germania lavorano "molto strettamente e da molto tempo" insieme e questa collaborazione sarà rafforzata dal vertice di lunedì.

Poletti: "Con misure Cdm favorite le assunzioni" - Proprio le misure sul lavoro vengono difese oggi dal ministro Giuliano Poletti: "Con il pacchetto approvato mercoledì dal Consiglio dei ministri - dice l'ex presidente di Legacoop ad Avvenire - è partito l'iter di semplificazione che vuole creare condizioni chiare e favorevoli all'ingresso di chi oggi si ritrova a spasso". "D'ora in poi - continua il ministro - un imprenditore che è nelle possibilità di aumentare il personale della sua azienda potrà farlo in modo semplice, in piena tranquillità e senza aver paura di nulla".

Camusso a Sky TG24: "Provvedimenti che inducono precarietà" - Parole, quelle di Poletti, contestate a Sky TG24 da Susanna Camusso. Per il leader della Cgil, si tratta di "provvedimenti che inducono ulteriore flessibilità e precarietà. La soluzione non è togliere le tutele ai lavoratori".

Il video



Nessun prelievo sulle pensioni -
Intanto, sul tema dei prelievi sulle pensioni per favorire nuovi posti di lavoro, il premier rassicura: escluso che chi guadagna 2-3 mila euro sia chiamato a un contributo. Mentre Susanna Camusso chiarisce che la Cgil è pronta a discutere di contributo di solidarietà ma sottolinea che assegni da 2.000-2.500 euro "non sono d'oro".

Passera a Sky TG24: "Dare la possibilità alle famiglie di incassare subito il Tfr" -
Suggerimenti al governo arrivano invece da Corrado Passera. L'ex ministro del governo Monti e leader di Italia Unica dice a Sky TG24: "E' il momento di dare l'opzione alle famiglie di incassare subito il trattamento di fine rapporto: è una mensilità in più che può fare la differenza".

Il video

Leggi tutto