M5S, polemica a distanza tra Grillo e Pizzarotti

1' di lettura

Dopo le espulsioni dei parlamentari, nasce un nuovo caso tra i 5 Stelle, con il leader che si dissocia pubblicamente da un evento organizzato dal sindaco di Parma: "Non è stato concordato". La replica: "Se fare rete non va bene, fate voi"

Non c’è pace nel Movimento 5 Stelle. A pochi giorni di distanza dalle espulsioni dei “dissidenti” e dalle dimissioni di alcuni parlamentari, scoppia una nuova polemica. Questa volta tra Beppe Grillo e il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti (che la settimana scorsa, commentando il caos nel Movimento, aveva lasciato trapelare qualche perplessità a proposito delle espulsioni: “Lasciano l'amaro in bocca”).

L'attacco di Grillo - “L'incontro con i sindaci ed i candidati sindaci M5S organizzato da Pizzarotti a marzo non è stato in alcun modo concordato con lo staff, né con me", ha tuonato il leader (in giornata, tra l'altro, condannato nel processo sui No Tav) con un tweet dal sapore di "scomunica". Il riferimento di Grillo è all'iniziativa di Pizzarotti che sulla sua pagina Facebook aveva annunciato per "il prossimo 15 marzo" un incontro con "gli attivisti che si preparano alla campagna elettorale per le elezioni amministrative".
Evidentemente, la riunione non deve essere piaciuta allo staff del M5S che ne ha preso le distanze.


La replica di Pizzarotti - Ma non si è fatta attendere nemmeno la controreplica del sindaco di Parma. L'incontro dei candidati e sindaci M5S a Parma, dice Pizzarotti, "è stato organizzato come quello dello scorso anno. Se fare rete non va bene fate voi".
Per Giovanni Favia, espulso dal M5S e ora consigliere indipendente della Regione Emilia Romagna, il sindaco di Parma Pizzarotti era già da tempo nel "mirino" di Grillo. Questo il suo tweet:

Leggi tutto