Roma, Marino a Sky TG24 minaccia il blocco. Renzi: dl in Cdm

1' di lettura

"Chiediamo rigore amministrativo. Voglio che i romani siano rispettati". Questo l'appello del sindaco dopo la decadenza del decreto. Il premier: "Motivazioni comprensibili, toni no". Ma assicura: "Il testo sugli enti locali venerdì a Palazzo Chigi". VIDEO

"Chiediamo rigore amministrativo, noi lo abbiamo già dimostrato. E vogliamo che anche i cittadini di Roma, che è la capitale di questo Paese, siano rispettati". Questo l'appello che Ignazio Marino lancia dai microfoni di Sky TG24. Il sindaco interviene dopo la decadenza del dl Salva Roma, che al suo interno conteneva norme per mettere al sicuro i conti della città. GUARDA IL VIDEO
Pronta la risposta del presidente del Consiglio Matteo Renzi che, poco dopo, intervenendo alla direzione del Pd, assicura che già venerdì 28 febbraio "il governo approverà il decreto sugli enti locali"  per mettere in sicurezza il bilancio della Capitale . Ma aggiunge: "Inviterei ad usare anche tra noi un linguaggio diverso: le motivazioni di Marino erano comprensibili, il tono no" (VIDEO).



Se non arrivano soldi la città si ferma - Marino, intervenendo a Sky TG24, sottolinea che "il termine Salva Roma è sbagliato: quei denari da restituire sono soldi delle tasse pagate dai cittadini e che nel 2008 sono stati trasferiti a una gestione del commissario del Governo. Comunque su questo fronte stiamo lavorando assiduamente" (VIDEO).
Ma, avverte, se non dovessero arrivare i soldi per Roma "non sarò io a bloccare la città, sarà la città a fermarsi da sola. Se io non ho lo strumento per prendere decisioni sul bilancio, in questo momento non posso procedere ad alcuna erogazione di denaro". Ignazio Marino spiega infatti di "non voler spendere neanche un euro che non abbiamo. Roma ancora deve pagare i terreni espropriati nel '57 per la costruzione del Villaggio Olimpico del '60. Voglio che cessi questa pessima abitudine amministrativa".



Ho sentito Renzi - Quanto al premier, il sindaco dice: "Con Matteo Renzi parliamo spesso, abbiamo parlato anche questa mattina ed ho parlato praticamente ogni ora con i suoi collaboratori, in particolare con il Sottosegretario (alla presidenza del consiglio, ndr) Graziano Delrio. Lui e Matteo Renzi sono stati entrambi sindaci e hanno capito molto bene la mia lamentela" (VIDEO). E ribadisce: "Le mie richieste sono chiare: avere delle norme. Lo chiedo da quando mi sono insediato ed è per questo che ho un po' perso la pazienza. Le sembra normale che con i soldi degli italiani quel decreto sia rimasto fermo 42 giorni in commissione bilancio al Senato? Io se mi metto a studiare in 42 giorni mi laureo in fisica...".

La questione buche a Roma - Il sindaco interviene anche a proposito del dissesto delle strade di Roma, problema che è oggetto delle inchieste di Sky TG24 (Benvenuti a Roma, capitale delle buche - qui tutte le cover story). La Capitale, infatti dopo l’emergenza-maltempo dei giorni scorsi, resta una delle città italiane con le strade più pericolose e disastrate. "Con i soldi in bilancio - dichiara però il primo cittadino - non posso fare la manutenzione". IL VIDEO


Leggi tutto