Napolitano: "Spazio e serenità a chi avrà l'incarico". VIDEO

1' di lettura

Il capo dello Stato: "Consultazioni intense e non formali". Alfano: "Serve tempo, non bastano 48 ore". Berlusconi: "Rispetteremo impegni". Lega e M5S non vanno al Colle. Renzi incontra Baricco e Guerra. No di Vendola. LA CRONACA DELLE CONSULTAZIONI

SLITTA L'INCARICO: SEGUI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI

"Ho ritenuto di dover dare la massima rapidità alle consultazioni per poi dare spazio e serenità per il lavori successivi", così il premier incaricato "avrà tutto il tempo necessario per i suoi approfondimenti e interventi". Così il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al termine dei colloqui tenuti al Colle (IL LIVEBLOG) dopo le dimissioni del premier Enrico Letta, sfiduciato dal suo stesso partito (il Pd). Il Capo dello Stato ha spiegato che "tutte le delegazioni salite al Quirinale si sono impegnate entrando nel merito ed indicando temi e priorità. E'stata una giornata per me interessante, ricca di stimoli e indicazioni che sarà mio compito trasmettere" al presidente che sarà incaricato di formare il nuovo governo.
Chiuse dunque le consultazioni il capo dello Stato affiderà probabilmente tra domenica 16 e luned' 17 febbraio al segretario del Pd Matteo Renzi l'incarico di formare questo secondo esecutivo a guida Dem (la notizia sui siti esteri - l'ironia in Rete).

Un nuovo governo che vedrà all'opposizione Forza Italia, come ha assicurato Silvio Berlusconi al termine del colloquio con il presidente della Repubblica. Il leader del Nuovo centrodestra Angelino Alfano ha chiesto invece più tempo per la formazione del nuovo governo. A chiudere il giro di consultazioni i capigruppo Pd Zanda e Speranza che hanno ringraziato a nome di tutto il partito Enrcio Letta ma hanno espresso la "determinazione per una nuova fase. Ora c'è un impegno forte per un governo che completi la legislatura e verso il 2018". Un secco no al nuovo governo è arrivato da Sel, mentre non sono andati al Colle M5S e Lega.

Alfano: "Non si può chiudere in 48 ore" - "Se il programma è grande non ci deve essere fretta: non si può chiudere in 48 ore" ha dichiarato Angelino Alfano dopo l'incontro con il Capo dello Stato. "Il Nuovo centrodestra è pronto ad affrontare la nuova fase" (VIDEO).

Vendola: "Nostro giudizio su Renzi è negativo su forma e sostanza" - "L'ipotesi di un sostegno di Sinistra e Libertà non è mai esistita. E' pura fantapolitica" ha detto il leader di Sel Nichi Vendola. E ha ribadito: "Il nostro giudizio su Renzi è negativo su forma e sostanza. Con lui il Paese si è spostato a destra" (VIDEO).

Berlusconi: "Manterremo gli impegni su legge elettorale e riforme" - Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi ha espresso "preoccupazione e stupore per questa crisi di governo". Poi ha assicurato: "Siamo all'opposizione e la nostra sarà un'opposizione costruttiva e responsabile. Manteniamo gli accordi sulla legge elettorale e sulle riforme" (VIDEO).

Scelta civica chiede forte discontuinità - Scelta civica ha chiesto che il nuovo governo che Matteo Renzi andrà a formare possa dare già nei prossimi giorni "segnali forti di discontinuità" rispetto all'inerzia dell'esecutivo nelle ultime settimane (VIDEO).

Via libera da Psi, Cd, Api, Svp e Autonomie - In mattinata i colloqui con i rappresentanti dei raggruppamenti minori del Parlamento. Da parte di Sudtiroler, Valdostanti e del Centro Democratico via libera al tentativo renziano per "ridare fiato alla legislatura", come dice Bruno Tabacci. Riccardo Nencini del Psi chiede una "maggioranza coesa".

Consultazioni e controconsultazioni - Ma la giornata ha visto anche qualche contestazione, come la consegna simbolica delle tessere elettorali da parte di Fratelli d'Italia (FOTO e VIDEO) e le "Controconsultazioni" organizzate dal M5S in piazza Montecitorio (FOTO e VIDEO) mentre anche la Lega si rifiuta di salire al Colle. Proteste e contestazioni anche nel momento in cui Silvio Berlusconi è salito al Quirinale (FOTO).

Civati polemico, Renzi lavora alla squadra
- Prosegue anche la polemica interna al Pd, con Civati che critica Renzi e Cuperlo ("dicono il contrario rispetto a mesi fa") e posta il video del confronto a Sky TG24 in cui il sindaco di Firenze assicurava il suo sostegno a Letta. Il probabile premier in pectore intanto è a Firenze dove lavora alla sua squadra: ha incontrato lo scrittore Alessandro Baricco e l'ad di Luxottica Alessandro Guerra. Smentisce invece un suo coinvolgimento il patron di Eataly Oscar Farinetti. Il premier dimissionario Enrico Letta, intanto, passeggia per le strade di Roma in compagnia del figlio. (LE FOTO).

LA CRONACA DELLA GIORNATA CON IL LIVE BLOG

Leggi tutto