Letta: "Presto patto di coalizione". Alfano: "Pd chiarisca"

1' di lettura

Incontro tra il premier e Napolitano. Renzi: "Direzione del partito il 13 febbraio. Se non portiamo a casa questo passaggio salta l'Italia". Ncd chiede di continuare con questo esecutivo, ma Scelta civica: "Letta lasci per un governo più forte"

"Abbiamo parlato delle prospettive di governo e delle scelte da fare. Nelle prossime ore presenterò la mia proposta di patto di coalizione". Queste le parole del premier Letta, che nella mattinata di oggi, martedì 11 febbraio, ha incontrato Napolitano. Ma mentre il premier prepara le contromosse, continua il pressing del segretario del Pd, salito al Colle nella serata di martedì 10. "La batteria del governo è scarica, dobbiamo decidere se va ricaricata o cambiata" ha dichiarato nel corso dell’assemblea dei deputati del partito, durante la quale ha anche confermato la scelta di anticipare al 13 febbraio la direzione del partito dedicata all'esecutivo (riunione in origine fissata al 20).

Letta: stiamo lavorando per il futuro del Paese - Nonostante le voci sempre più insistenti su una possibile futura staffetta Letta-Renzi, il presidente del Consiglio ha annunciato l'intenzione di presentare "presto ai partiti che sostengono il governo un patto di coalizione. Un programma convincente che convincerà tutti i partiti che sostengono l'esecutivo, anche il Pd". E aggiunge: "Sto lavorando e stiamo lavorando per venire incontro a questa situazione di difficoltà che da tempo questo paese sta affrontando".

Alfano: "Avanti con Letta, ma chiarisca col Pd" - E sull'ipotesi della staffetta al governo, il leader di Ncd Angelino Alfano chiede di continuare con Letta, ma aggiunge che occorre che "quest'ultimo chiarisca col Pd" (VIDEO). Di parere opposto Scelta Civica, che invita il premier a lasciare per dare più forza al governo (VIDEO).



Guerini: "Staffetta non ci interessa" - Il deputato il portavoce del Pd, Lorenzo Guerini, nega invece con forza un'ipotesi di staffetta. "E' un tema che non ci appassiona minimamente e non appassiona Matteo Renzi, che non crede che il tema oggi per l'Italia sia quello che fa Renzi - dice a Sky TG24 nella mattinata di martedì 11 febbraio - Dev'essere il presidente della Repubblica a indicare una strada e anche il presidente del Consiglio a dirci dove vuole andare". 
Di diverso avviso, su questo punto, Pippo Civati, secondo il quale Renzi invece vuole andare a Palazzo Chigi. "Renzi è un leader popolare, forse è giusto che si candidi alle elezioni. Tornare a votare non è una tragedia", dice a Sky TG24.

Leggi tutto