M5S, Grillo: "Su impeachment milioni di italiani con noi"

1' di lettura

L'ex comico, a Roma per incitare gli eletti del movimento, invita però i suoi ad abbassare i toni: "Tanto sono già morti". Sulla riforma elettorale intanto i 5 Stelle decidono di non partecipare più ai lavori. Il deputato De Rosa indagato per ingiurie

Dopo la bagarre nell'aula di Montecitorio che ha visto protagonisti i deputati del Movimento 5 Stelle, arriva a Roma Beppe Grillo per incontrare in un hotel della capitale gli eletti del suo movimento. "Sono a Roma con i nostri meravigliosi guerrieri! Vinciamo noi!" scrive su twitter l'ex comico, ma intanto la linea che il movimento sembra intenzionato a tenere sulla riforma elettorale è quella dell'Avventino. "Abbiamo votato la nostra pregiudiziale ed abbiamo chiesto che la legge tornasse in commissione ma ci hanno risposto di no. La nostra partecipazione a questa legge si fermi qui, a meno che non vi siano sconvolgimenti" ha spiegato il deputato Carlo Sibilla. E gli scontri in aula di giovedì hanno visto anche uno strascico penale, con il deputato pentastellato De Rosa indagato per ingiurie dalla procura di Roma.



Grillo: "Su impeachment milioni di italiani sono d'accordo con noi" - Nel corso dell'incontro Beppe Grillo ha incitatato i suoi eletti in vista delle elezioni per Strasburgo. "Vinciamo le europee e cambiamo l'Italia da lì" ha annunciato l'ex comico, promettendo che "faremo campagna assieme nelle piazze". "Ognuno dei 7 punti del programma delle Europee verrà discusso e sviluppato in rete" ha aggiunto. Grillo ha poi rivendicato la scelta del M5S di chiedere la messa in stato d'accusa per il Presidente della Repubblica. Gli altri partiti, ha spiegato ai suoi eletti, "mon voteranno mai per l'impeachment, ma milioni di italiani sono d'accordo con noi". Commentando le reazioni suscitate dalla decisione del Movimento, l'ex comico ha sostenuto che gli altri partiti "non sono abituati all'esistenza  di un'opposizione".

Grillo invita i suoi ad abbassare i toni - Sullo scontro in Aula, durante il quale tra il questore D'Ambruoso di Scelta Civica ha colpito la deputata pentastellata Loredana Lupo, l'ex comico ha scherzato: "Questo qua di Scelta civica non  ha tutte le colpe, Loredana è cattivissima. Avete sentito il suo  discorso". Da Grillo è però arrivato anche un invito ai suoi ad abbassare i toni. Agli altri, avrebbe detto ai suoi, fate una carezza e in silenzio 'fategli capire che tanto sono morti'.  E ancora: continuare con l'opposizione dura, per smascherare le porcate, ma occorre - questo l'invito di Grillo -, evitare gli eccessi che possono ritorcerci contro, tanto, avrebbe detto Grillo, si fanno male da soli. Poi Grillo, riferiscono fonti parlamentari, ha dato un altro 'consiglio' ai suoi: bisogna evitare di ricorrere in azioni penali, ma non abbassate mai la guardia, la gente ha capito che abbiamo ragione noi.

De Rosa (M5S) indagato per ingiurie - Intanto la procura di Roma ha aperto un fascicolo d'indagine che vede indagato per ingiurie il deputato di M5S Massimo De Rosa.  Alla base dell'apertura del  fascicolo la denuncia-querela di un gruppo di sette deputate del Pd  che la sera di mercoledi' scorso sono state bersaglio di epiteti da  parte del parlamentare durante i lavori della Commissione Giustizia.

Leggi tutto