Berlusconi: "Contro di me una vendetta giudiziaria"

1' di lettura

Intervistato dal Tg5 il Cavaliere torna all'attacco della magistratura: "Mi colpiscono perché io unico baluardo contro la sinistra". Sulle riforme istituzionali: "Gli italiani non sanno votare, disperdono il voto. Il miglior sistema sarebbe quello Usa"

Intervistato dal Tg5 Silvio Berlusconi torna ad attaccare la magistratura, colpevole, secondo lui, di essere politicizzata, e rilancia sulle riforme istituzionali "rendendo finalmente l'Italia governabile".

"La mia unica colpa agli occhi di una giustizia politicizzata  - spiega il Cavaliere - è quella di essere l'unico ostacolo alla presa del potere della sinistra". E aggiunge: "Visto che ancora questa volta, alle elezioni di febbraio, sono stato l'unico a sbarrare la strada a questi signori è scattata una vendetta giudiziaria".

Berlusconi è poi tornato su un altro suo cavallo di battaglia, la presunta ingovernabilità dell'Italia. "Bisogna cambiare l'assetto del Paese e far capire ai cittadini che devono imparare a votare per evitare che "disperdano i nostri voti in tanti rivoli". Il miglior sistema- ribadisce - è quello bipolare, sul modello Usa. L'ex premier attacca poi la politica economica dell'attuale governo parlando di cattiva politica delle tasse e della spesa pubblica che portano un clima di sfiducia generale. E torna sullo slogan: "Meno spese e meno tasse per tutti".

Le novità in casa Pd e Lega, con le leadership di Renzi e Salvini, non entusiasmano per niente il Cavaliere: "Le novità - dice - non si misurano con l'anagrafe ma sulle idee. Lo spartiacque tra noi e la sinistra - prosegue - sta proprio nella concezione che la seconda ha del governare, troppo infarcita di "tasse, patrimoniali e imposte di successione", mentre Forza Italia è l'unico "baluardo" a difesa dei risparmi.

Leggi tutto