Lega, la sfida alla segreteria sarà tra Bossi e Salvini

1' di lettura

Sono solo due i candidati che hanno raccolto abbastanza sottoscrizioni per potersi presentare alle primarie. I militanti voteranno il 7 dicembre. Maroni: "Salvini ha raccolto quattro volte più firme di Bossi. Sarà una bella sfida"

Umberto Bossi contro Matteo Salvini: la competizione per la segreteria della Lega Nord vedrà di fronte due soli candidati, rappresentativi della vecchia e della nuova guardia del Carroccio. Sono solo loro due, infatti, ad aver raggiunto il numero minimo di sottoscrizioni delle candidature.

Due soli candidati hanno superato il limite di firme - "Si è conclusa oggi (giovedì 28 novembre, ndr) alle ore 12 la raccolta delle firme per le candidature a segretario federale della Lega Nord - si legge in una nota -  che saranno sottoposte al voto delle elezioni primarie il prossimo 7 dicembre. Sulla base dei dati finora raccolti per via informatica, che dovranno essere confermati ufficialmente nella giornata di domani previa verifica dei documenti cartacei di raccolta, il responsabile organizzativo Roberto Calderoli esprime grande soddisfazione per l'ampia partecipazione che ha visto quasi il 40 per cento degli aventi titolo sottoscrivere una delle candidature. Sulla base dei dati sopracitati hanno superato le quote minime di sottoscrizione (mille firme) due candidati: Matteo Salvini e Umberto Bossi. Domani, a conclusione del controllo cartaceo verranno comunicati i numeri precisi delle sottoscrizioni dei singoli candidati".



Maroni: "Sarà una bella sfida" - "Salvini ha raccolto circa quattro volte le firme di Bossi. Bossi poco più di 1000 e Salvini 4000": lo ha detto il segretario della Lega Roberto Maroni sui candidati alla sua successione che si affronteranno il 7 dicembre. "Una bella sfida - ha detto Maroni - sono molto soddisfatto perché è la prima volta che i militanti possono scegliere il loro segretario e saranno protagonisti del futuro della Lega".

Leggi tutto