Renzi: "Vita del governo è indipendente da scelte del Pdl"

1' di lettura

Videochat del sindaco di Firenze con gli utenti su Twitter: "Entro l'otto dicembre presenterò una mia proposta di riforma elettorale". Poi ribadisce la sua intenzione di restare a Palazzo Vecchio nel caso diventi segretario del Pd

La vita del governo Letta non dipende da quello che succedere al Pdl. Ad affermarlo è Matteo Renzi nel corso di un liveblogging dal suo sito durante il quale ha risposto alle domande che gli venivano poste via Twitter. "La vita del governo è indipendente dalle polemiche Pdl: si è visto un mese fa. Letta lavori per l'Italia e noi daremo una mano", scrive Renzi sul social network rispondendo alla domanda se il Pd a sua guida continuerà a sostenere Letta anche in caso di spaccatura nel Pdl.
Il Pdl si sta dividendo tra falchi che sostengono di voler abbandonare il governo qualora venisse votata la decadenza di Silvio Berlusconi da parlamentare e colombe che sostengono invece che il governo va sostenuto in ogni caso fino al 2015.



"Entro 8 dicembre proposta per nuova riforma elettorale" - Renzi, rispondendo a un'altra domanda, dice anche che prima dell'8 dicembre e forse già dopo il 20 novembre presenterà una sua proposta di riforma della legge elettorale: "Assolutamente sì, prima delle primarie (8 dicembre). Non so se entro il 20 novembre o la settimana successiva", risponde alla domanda se presenterà una proposta di riforma elettorale. Sullo stesso tema, poi, rispondendo all'ex parlamentare Pd Claudio Petruccioli su cosa farà se la prossima sentenza della Corte costituzionale, attesa per il 3 dicembre, instaurasse di fatto un nuovo sistema proporzionale cancellando il Porcellum e restaurando il Mattarellum, Renzi aggiunge: "Il Pd proporrà una sua legge elettorale. Ci sono i numeri in Parlamento per evitare il proporzionale, contro larghe intese permanenti".



"Preferisco fare il segretario in mezzo alla gente - Renzi poi interviene anche sulla sua permanenza a sindaco di Firenze nel caso diventasse segretario del Pd.  "Il segretario di un partito è da sempre un politico e fa sempre un altro lavoro, per esempio il parlamentare. Fare il parlamentare è un ottimo lavoro - dice Renzi - Per quello che mi riguarda, non voglio diventare uno che dalla mattina alla sera sta a fare riunioni a Roma. Preferisco essere un segretario che sta in mezzo alla gente, a inaugurare asili e case popolari". "Con la coerenza delle proprie idee si combattono i capi bastone sul territorio", ha poi ribadito. "L'ho già detto e se diventerò segretario del partito - ha promesso - non mi tirerò indietro".

Leggi tutto