Riforma elettorale, Napolitano: "Non si è gettata la spugna"

1' di lettura

Il Capo dello Stato, ai giornalisti che gli chiedono se sia ancora ottimista sul superamento del Porcellum, risponde: "Più che ottimismo serve responsabilità". Poi ricorda che "la discussione non è ancora finita"

"Ci vorrebbe un briciolo di senso di responsabilità...". Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano se avesse ancora un "briciolo di ottimismo" sulla riforma del Porcellum. Comunque, ha aggiunto Napolitano, ancora "non si è gettata la spugna".
"So che oggi c'è una riunione della commissione Affari costituzionali al Senato e lì - ha spiegato il presidente Napolitano ai giornalisti uscendo dall'Istituto dell'Enciclopedia Italiana - la discussione non è finita. Non si è gettata la spugna...Poi, certo, bisogna vedere gli esiti di questa riunione".

Napolitano: "Dl elettorale? Chiedete al governo"
- Riguardo all'ipotesi che il governo possa intervenire sulla riforma elettorale con un decreto, come ipotizzato da Malta dal premier Enrico Letta, Napolitano ha sviato le domande replicando ai giornalisti: "Dovete chiederlo al Governo, non a me". "Ma allora lei ha ancora un briciolo di ottimismo sul fatto che il Parlamento possa modificare la legge elettorale in tempo?", gli è stato chiesto. "Ci vorrebbe un briciolo di senso di responsabilità...", ha replicato Giorgio Napolitano.

Quagliariello: "Oggi riunione importante al Senato" - E della riunione della commissione Affari costituzionali al Senato parla anche Geatano Quagliariello. "Oggi è una giornata importante al Senato. Come governo saremo presenti e attenti" dice il ministro delle riforme.  "E' il momento di ascoltare più che di operare. L'importante è ascoltare qualcosa e che non ci sia un assordante silenzio" ha poi aggiunto.

Leggi tutto