Lega Nord, Salvini si candida. Tosi fa un passo indietro

1' di lettura

Sono 5 gli esponenti del Carroccio che raccoglieranno le firme per succedere a Roberto Maroni. In corsa, oltre al segretario della Lega Lombarda, Bossi, Stucchi, Bernardini e Stefanazzi. Calderoli: “C’è ancora tempo per presentare candidatura ordinaria”

Umberto Bossi, Matteo Salvini, Giacomo Stucchi, Manes Bernardini e Roberto Stefanazzi. Sono questi i 5 candidati che raccoglieranno le firme per la corsa alla segreteria federale della Lega Nord. Sono stati ammessi dal comitato esecutivo come ha riferito ai giornalisti il responsabile organizzativo del Carroccio Roberto Calderoli. Altre candidature, come quella di Gianluca Pini, non sono state ammesse per "difetti di forma" nella presentazione. Il vicesegretario della Lega Flavio Tosi non ha invece presentato candidatura alla segreteria federale. Il termine era fissato alle ore 12 dell’11 novembre.

Le candidature - Bossi era stato il primo a presentare il modulo per la richiesta di raccolta firme, una settimana fa. Il consigliere regionale dell'Emilia Romagna ed ex candidato sindaco di Bologna, Manes Bernardini, e il consigliere comunale di Vizzola Ticino (Varese), Roberto Stefanazzi, l'avevano presentata alla fine della settimana scorsa, mentre il presidente del Copasir, il bergamasco Giacomo Stucchi, si è recato in via Bellerio oggi per ufficializzare la sua richiesta. Flavio Tosi ha spiegato all’agenzia di stampa Ansa di aver deciso di non presentare la propria candidatura a segretario federale della Lega Nord "per favorire la nomina di una candidatura unitaria". Una scelta, dice, maturata nel corso di un incontro a Milano con l'attuale segretario Roberto Maroni e Matteo Salvini.

Calderoli: “C’è ancora tempo per cercare candidatura unitaria” – Roberto Calderoli ha però spiegato che si tratta di “pre-candidati e che non è detto che dai cinque nomi alla fine ci siano cinque candidati”. “Abbiamo un lasso di tempo per cercare, ancora di più, una candidatura unitaria o largamente prevalente" ha aggiunto sottolineando che la raccolta firme a sostegno delle pre-candidature inizierà il 15 e si concluderà il 28 novembre. Coloro che avranno raccolto almeno 1.000, massimo 1.500 firme, potranno poi concorrere all'elezione diretta del segretario, che avverrà il 7 dicembre.

Salvini: “Spero congresso unitario. Rispetto per Bossi” - “E' la Lega che cresce, un bel confronto, se nel Pd sono in 4, noi siamo in 5: abbiamo più idee e programmi e non abbiamo tessere false" ha commentato Matteo Salvini che ha annunciato via Facebook di essersi candidato. E ha aggiunto: "Sarà un confronto sulle idee ma la mia speranza è che il congresso arrivi ad essere unitario". Interpellato dai giornalisti davanti alla sede di via Bellerio sul duello elettorale con Bossi per segreteria, Salvini ha spiegato che lo affronterà "con il massimo rispetto e gratitudine, consapevole che Bossi può dire e dare ancora tanto ma anche consapevole che, come mi ha insegnato lui, bisogna avere il coraggio di andare avanti e oltre".

Leggi tutto