Napolitano: "Ho legato il mio impegno alle riforme"

1' di lettura

Il Capo dello Stato torna sollecitare le forze politiche sulla nuova legge elettorale, e sulle "revisioni della seconda parte della Costituzione". Duro attacco di Bondi (Pdl): "Ho seri dubbi sull'utilità del suo ruolo"

"Occorre andare avanti con le scelte di politica economica finanziaria e insieme con le riforme politiche e istituzionali da tempo riconosciute necessarie". Così il capo dello Stato Giorgio Napolitano, alla cerimonia per la consegna delle medaglie ai Cavalieri del lavoro al Quirinale, torna a sollecitare le forze politiche sul tema delle riforme istituzionali. Al cammino delle riforme "ho legato il mio impegno all'atto di una non ricercata rielezione a  presidente" ha aggiunto Napolitano. Un impegno "che porterò avanti finché sarò in grado di reggerlo e a quel fine. Tra le riforme imprescindibili, per il presidente della Repubblica, "quella riforma della legge elettorale, quelle revisioni della seconda parte della Costituzione di cui si è delineato il percorso attraverso il serio apporto di una Commissione altamente qualificata".

"Su legge di stabilità impegno responsabile" - A proposito dell'iter parlamentare della Legge di stabilità il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inoltre auspicato un confronto "responsabile", che tenga conto della crisi e dei vincoli europei. "La Legge di stabilità inizierà il suo percorso europeo e nazionale in un confronto aperto ad ogni valutazione anche critica, che ci aspettiamo sia comunque responsabile, cioè sostenibilmente propositiva, consapevole di condizioni oggettive complesse e di vincoli ineludibili", ha detto Napolitano. (VIDEO).
Nell'intervento del Capo dello Stato (qui il testo integrale) anche un nuovo appello a risolvere l'emergenza carceraria e un riferimento al dramma degli sbarchi di profughi a Lampedusa.


Quagliariello: "Legge elettorale da sola non basta" - Sul tema delle riforme è intervenuto, alla Camera, anche il ministro Quagliariello, secondo cui "solo una riforma elettorale connessa a una più complessiva revisione della forma di governo può infatti garantire quella stabilità e quell'efficacia istituzionale della quale il Paese ha bisogno" (VIDEO).

Bondi: "Ho dubbi su utilità ruolo Napolitano" - Alle parole del Capo dello Stato è seguito invece un duro commento del coordinatore del Pdl Sandro Bondi. "Le riflessioni e le raccomandazioni del Capo dello Stato sono il metronomo della politica italiana. Francamente comincio ad avere seri dubbi sull'utilità di questo ruolo esercitato da Napolitano nella convinzione di guidare dall'alto l'Italia verso l'uscita dalla crisi. Le conseguenze di questo metodo non sono affatto incoraggianti".

Leggi tutto