Alfano: "Il 30% degli omicidi ha come vittime le donne"

1' di lettura

Il ministro dell'Interno illustra i dati del dossier del Viminale. Nell'ultimo anno sono state presentate quasi 10mila denunce per stalking. Sul fronte sbarchi, dal primo agosto 2012 al 10 agosto scorso sono arrivati sulle nostre coste 24.277 migranti

Circa il 30% degli omicidi commessi in un anno in Italia (505) ha come vittima le donne. E' quanto emerge dai dati diffusi dal ministro dell'Interno Angelino Alfano in occasione della tradizionale conferenza stampa di Ferragosto sulle attività delle forze dell'ordine. Dall'entrata in vigore della legge sullo stalking sono state 38.142 le denunce presentate, di cui 9.116 dal primo agosto del 2012 al 31 luglio del 2013. A denunciare nel 77% dei casi sono le donne.

Migranti: in 1 anno sbarcati 24.277 -
Nel corso della conferenza stampa al Viminale il ministero dell'Interno fa anche il quadro della situazione relativa agli sbarchi (tutte le foto). Dal primo agosto 2012 al 10 agosto scorso sono sbarcati sulle nostre coste 24.277 immigrati. E un terzo di loro, cioè 8.932, è arrivato in Italia negli ultimi 40 giorni, dal primo luglio al 10 agosto scorso. Nonostante i numerosi sbarchi sulle nostre coste, Alfano sottolinea che l'immigrazione non è diventata "un'emergenza ingestibile". E aggiunge: "Abbiamo saputo coniugare il dovere di accoglienza con il diritto alla sicurezza". (Video)


Mafia: quasi 1700 arrestati - Sul fronte della lotta alla mafia, invece, nell'ultimo anno (tra il 1 agosto del 2012 e il 31 luglio del 2013) sono stati arrestati 1697 esponenti della criminalità organizzata. Tra questi, 78 latitanti, di cui 8 ritenuti di massima pericolosità. Nello stesso periodo sono stati confiscati alla mafia 9,569 beni, di cui 705 aziende, per un valore complessivo di 3,145 miliardi di euro.

Leggi tutto