Legge sul conflitto di interessi, è scontro tra Pd e M5S

1' di lettura

Beppe Grillo dal suo blog attacca: "Vogliono cambiarla per salvare Berlusconi". Ma Guglielmo Epifani replica: "E' una proposta di un mese e mezzo fa, le vicende del Cavaliere non c'entrano. E' una norma che serve all'Italia"

E' scontro tra il Pd e il Movimento 5 Stelle sul disegno di legge firmato dal democratico Massimo Mucchetti sul conflitto di interessi. Beppe Grillo accusa i democratici di voler cambiare la legge sull'ineleggibilità per salvare Berlusconi dalla richiesta del M5S di voto in commissione, ma Guglielmo Epifani a SkyTG24 rivendica invece la validità del ddl slegandolo dalle vicende del Cavaliere.

Grillo accusa il Pd - Secondo Beppe Grillo, che lancia l'accusa in un post sul suo blog, il disegno di legge democratico sarebbe un modo per aiutare Silvio Berlusconi. "Di fronte alla improvvisa perdita del suo azionista di riferimento per ineleggibilità - scrive il leader del M5S - il pdmenoelle non ha avuto esitazioni: ha certificato la propria 'non esistenza', sulla quale pochi in realtà avevano dei dubbi". Grillo accusa i democratici di voler sostituire la legge 361 del 1957 sulla ineleggibilità per i casi di conflitto di interesse con un "principio di incompatibilità. Berlusconi avrà quindi un anno per scegliere fra le sue aziende o la politica. Nel frattempo potrà rimanere tranquillamente in Parlamento invece di esserne cacciato".

Epifani: "Berlusconi non c'entra nulla"
- Il disegno di legge firmato da Massimo Mucchetti "è una legge buona e positiva, non pro-Berlusconi" è invece la tesi sostenuta da Epifani a SkyTG24, che aggiunge come si tratti di una proposta che "è stata presentata un mese fa ma improvvisamente oggi viene visto come qualcosa che aiuta Berlusconi: non serve a questo scopo, ma ad avere in Italia una legge europea sul conflitto di interessi moderno al posto di una legge molto datata come quella in vigore, che ha 50 anni". "La questione - sottolinea inoltre Epifani - è se questo Paese può non avere una moderna legge sul conflitto di interessi che hanno tutte le democrazie. Non c'entra nulla con le polemiche di queste ore", dice ancora Epifani, "il ddl riguarda la vita del Paese per "i prossimi quarant'anni".

Leggi tutto