Imu, Zanonato: "Riduzione su prima casa e capannoni"

1' di lettura

Il ministro dello Sviluppo Economico torna sul tema che divide la maggioranza.  Dopo gli attacchi del Pdl a Saccomanni Maurizio Lupi frena: "Il partito non sta sfiduciando nessuno, siamo leali al governo"

"Le prossime tappe sono definite: evitare l'incremento di un punto dell'Iva e intervenire per ridurre l'Imu sulla prima casa delle famiglie e sugli immobili strumentali delle aziende su capannoni, negozi e terreni, la prima casa di voi imprenditori". Così il ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato torna sul tema Imu. Un tema che continua ad infiammare il dibattito all'interno della maggioranza e che sarà al centro del vertice previsto per il 10 luglio.
Alcuni parlamentari del Pdl hanno attaccano duramente il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, definendolo "inadeguato" a occuparsi dei principali nodi fiscali, come le coperture per Imu e Iva. "C'è una zona grigia al Tesoro che scavalca governo e ministri per collegarsi direttamente con ambienti dell'Unione Europea e del Fmi, per invitarli ad interventi restrittivi", ha dichiarato Fabrizio Cicchitto del Pdl. Ancora più duro il suo collega di partito Maurizio Gasparri, secondo cui: "Con Saccomanni il governo non va da nessuna parte mentre serve un ministro vero e autorevole". Polemiche che vengono poi frenate dallo stesso Cicchitto: "Noi chiediamo l'abolizione dell'Imu, non l'abolizione del minisreo Saccomani. Vedremo cosa succederà sull'Imu e ne trarremo le conseguenze" (VIDEO).
Il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi aggiunge: "Il Pdl non sta sfiduciando Saccomanni".



Il Pd fa quadrato intorno al ministro - Dopo una giornata di attacchi frontali, a cui il ministro non ha replicato direttamente, sono arrivate le reazioni del Pd. "Chi attacca Saccomanni, attacca tutto il governo", ha dichiarato Dario Franceschini, dando voce all'irritazione del premier Enrico Letta che con il ministro dell'Economia, spiegano i suoi, ha "un rapporto solidissimo e quotidiano". Anche il viceministro dell'Economia Stefano Fassina è intervenuto: "Sono inaccettabili gli attacchi del Pdl al ministro Saccomanni. Vengono da un partito che quando è stato al governo l'ultima volta ha impegnato l'Italia, unico caso in Europa, al pareggio di bilancio nel 2013 e ha sottoscritto con il 'six pack' l'impianto del fiscal compact. Oggi, per tentare di far dimenticare agli italiani le loro responsabilità esponenti di punta del Pdl si inventano un piano completamente irrealistico per la riduzione del debito pubblico e attaccano chi cerca di riparare i loro errori".
"Saccomani è una persona affidabile e non può fare diversamente da quel che fa" le parole di stima che riserva per il ministro dell'Economia anche il leader della Cisl Bonanni. (VIDEO)

Settimana decisiva - L'attacco del Pdl arriva alla vigilia di una settimana decisiva per la maggioranza. Mercoledì la riunione della cabina di regia tra governo e partiti dovrebbe mettere i primi punti fermi alla riforma della tassazione complessiva degli immobili. Le alternative sul tappeto, conferma il sottosegretario Pier Paolo Baretta, restano due: o l'abolizione totale dell'Imu, pretesa dal Pdl, o la rimodulazione.


Leggi tutto