Ballottaggi, Lega sconfitta ovunque. K.O. anche a Treviso

1' di lettura

Brutta sconfitta del Carroccio, che perde anche l'ex roccaforte guidata per anni da Gentilini. Salvini: "Una batosta". Maroni e Zaia: "Dobbiamo partire, siamo nella fase del ricambio generazionale"

Fuori da tutti i Comuni andati al ballottaggio, in Lombardia come in Veneto, dove il centrosinistra ha fatto il pieno di sindaci nelle grandi città. Quello uscito dal secondo turno delle elezioni comunali, per la Lega Nord di Roberto Maroni, è lo scenario peggiore - una "batosta", per dirla con Matteo Salvini - dopo l'arretramento dei consensi già registrato al primo turno e le feroci parole di critica pronunciate nel frattempo da Umberto Bossi.
Con la sconfitta nell' ex roccaforte di Treviso, ceduta allo schieramento avversario dopo 19 anni, e con la perdita di Brescia, la seconda città della Lombardia nel cuore della progettata 'macro-regione', la crisi d'identita' del Carroccio è ancora più evidente: un anno fa Maroni parlava di un partito che aspirava a diventare "egemone" al Nord.

A Treviso Gentilini K.O. - La batosta peggiore a Treviso, dove il vicesindaco e candidato leghista Giancarlo Gentilini è stato staccato di ben 11 punti dallo sfidante Giovanni Manildo. "E' finita un'era", ha detto, prima di rinchiudersi a casa e non rilasciare altre dichiarazioni.
Maroni, dal canto suo, nella prima mattinata  di lunedì 10 giugno aveva detto che di fronte all'alto tasso di astensione, i "partiti devono fare uno sforzo immenso per recuperare credibilita"', nel pomeriggio èrimasto chiuso nel suo ufficio in via Bellerio: nessun commento ufficiale sull'esito. Poche ore dopo, si è limitato a scrivere su Twitter "condivido" citando una dichiarazione del governatore del Veneto, Luca Zaia, secondo il quale "la Lega deve ripartire, siamo nella fase del ricambio generazionale, si riparte con nuovi stimoli e nuovi obiettivi".



Il bollettino finale (Lega più Pdl) parla di sconfitte a Treviso e Brescia, ma anche a Lodi, in provincia di Verona e in tutti quei grossi Comuni della cintura intorno a Milano e Monza (come Bareggio, Bresso, Cinisello Balsamo, Gorgonzola, Brugherio, Carate Brianza e Seveso) finiti al centrosinistra, che ne ha strappati cinque al centrodestra.
Matteo Salvini, vicesegretario federale e segretario della Lega Lombarda, è stato l'unico esponente del movimento a parlare coi giornalisti nella sala stampa aperta in via Bellerio e chiusa prima delle 19 quando l'auto di Maroni ha ripreso la strada di Varese. "Ogni tanto, una batosta può far bene - ha detto Salvini - a Brescia e a Treviso, abbiamo sbattuto la faccia contro il muro. Ora bisogna ripartire con un bagno di umilità, ma anche più furbizia e cattiveria".
Il segretario lombardo è sempre convinto che, in Lega, ci sia un problema di comunicazione delle "cose concrete che facciamo", ma non ha nemmeno nascosto che il duello infinito fra un Bossi che rivendica il partito ("salvo poi tornare dietro il cespuglio") e un Maroni costretto a ribadire che il segretario è lui, non giovano a un partito che ha già altri problemi con il suo elettorato. "Chi litiga allontana, il messaggio e' stato ricevuto forte e chiaro. Ora dobbiamo tapparci la bocca", è l'auto-critica.

Tosi: "Sciocco negare sconfitta elettorale" - Cruda, pur senza indulgere nel disfattismo, anche l'analisi dell'altro vice di Maroni, il veneto Flavio Tosi, secondo il quale "sarebbe sciocco negare questa sconfitta elettorale". "Ora dobbiamo trovare il modo per ripartire, riportando la gente al voto e riconquistando la fiducia dell'elettorato che ci ha sempre votato", ha aggiunto Tosi da Vicenza, spiegando però che "questo lo si può fare smettendo di fare baruffe interne, che non ci hanno aiutato durante la fase pre-elettorale né adesso: i cittadini sono gia' disinnamorati della politica e ovviamente mal sopportano di vedere i partiti lacerati al loro interno".

Leggi tutto