Governo, Imu sospesa fino a settembre. 1 miliardo per Cig

1' di lettura

Approvato il decreto che posticipa a fine estate il pagamento della prima rata della tassa sugli immobili. Ma l'esecutivo si impegna a riformare completamente la materia entro il 31 agosto. Berlusconi: "E' la nostra prima vittoria"

La prima rata Imu sulla prima casa viene sospesa fino al 16 settembre. Nessuna sospensione per gli immobili di pregio. E' quanto prevede il decreto approvato dal Consiglio dei ministri che si è tenuto venerdì 17 maggio. E' prevista anche una clausola di salvaguardia: il Governo farà una riforma della tassazione sugli immobili entro 31 agosto o si pagherà il 16 settembre.

Riforma dell'Imu entro fine agosto - "Come primo intervento viene sospesa la rata Imu che le famiglie dovevano pagare e non dovranno più pagare a giugno" ha spiegato Letta in conferenza stampa. Ci sarà "tempo fino a 31 agosto, entro il quale - ha aggiunto - governo e maggioranza faranno la riforma dell'Imu". Dentro il testo, ha aggiunto, c'è un'attenzione molto forte alle imprese perché si indica fra le priorità" della riforma dell'Imu "la previsione di forme di deducibilità dell'imposta pagata sugli immobili" per attività produttive. Saccomanni ha spiegato che la sospensione Imu riguarda anche gli immobili Iacp (Istituto autonomo case popolari) destinati ad abitazione, così come gli immobili rurali. Sono invece esclusi gli immobili di lusso. Da parte sua Alfano ha spiegato che "per coprire quanto fatto non si sono messe tasse da altre parte ma 100 per cento tagli e zero tasse" (VIDEO).

Un miliardo per la cassa integrazione - Per l'altro punto all'ordine del giorno, la rifinanziazione per la cassa integrazione in deroga, il governo mette in campo un miliardo euro, che consente al governo di avvicinarsi al fabbisogno previsto per il 2013. Sulle coperture per la cig "hanno a che fare in un caso con la copertura presa dalla voce di bilancio in parte dai fondi produttività che non venivano utilizzati e con un impegno scritto a rimettere le risorse" ha spiegato Letta.

Tagli stipendi ministri rimarrà
- Il premier ha inoltre spiegato che l'abolizione del doppio stipendio di ministri, viceministri e sottosegretari anche parlamentari è "un intervento strutturale, che riguarda anche il futuro", aggiungendo che "non sarebbe stata sufficiente una semplice rinuncia da parte di ognuno di noi".

Ripartono i contratti di solidarietà
-  Il presidente del Consiglio ha inoltre spiegato che nel decreto varato oggi ci sono "passaggi molto importanti, come la norma che fa ripartire la logica dei contratti di solidarietà, altro strumento importante per venire incontro a lavoratori e imprese". E' stato spostato inoltre al 31 dicembre 2013 il termine per i precari nella P.a.

A Minniti la delega ai servizi
-  Letta inoltre ha inoltre comunicato che il Consiglio dei ministri ha nominato Marco Minniti sottosegretario di Stato con delega ai servizi segreti mentre Daniele Franco è il nuovo ragioniere generale dello Stato.

Berlusconi: "Abolizione Imu nostra prima vittoria" - "La sinistra era sicura di vincere [alle elezioni] e invece deve fare i conti con il nostro programma. L'abolizione dell'Imu è il nostro primo successo, perché già a giugno non dovremo più pagarla" è stato il commento di Silvio Berlusconi, con un videomessaggio su Facebook, al decreto approvato dal governo.

Leggi tutto