Brunetta attacca Boldrini: "Usa due pesi e due misure"

1' di lettura

Il capogruppo Pdl in Aula critica il presidente della Camera sui fatti di Brescia: "Ho visto le bandiere e gli insulti del suo partito", dice accusandola di non esprimere solidarietà. La replica: "Sono fuori dall'agone politico". VIDEO

Sale la tensione in aula alla Camera. A inasprire i toni del dibattito è il capogruppo del Pdl, Renato Brunetta che già all'inizio del suo intervento polemizza con la presidente Laura Boldrini: "Visto che mi ha chiamato onorevole e sono invece presidente del gruppo, io non la chiamerò presidente". Poi, Brunetta torna sulla questione della mancata solidarietà sulle contestazioni a Brescia (FOTO - TUTTI I VIDEO).

"Io c'ero a Brescia - esordisce Brunetta alzando già il tono della voce - e ho visto le bandiere e gli insulti del suo partito e i teppisti che stavano sotto le bandiere del suo partito, Sel", afferma il capogruppo del Pdl rivolgendosi direttamente a Boldrini, "e le chiedo se lei usa due pesi e due misure per esprimere la solidarietà".

Pronta la replica della  Boldrini: "Come è noto, l'ordinamento parlamentare assegna al presidente della Camera il compito di far osservare il regolamento. E in questo il presidente è terzo e imparziale e tale intende rimanere". Il presidente della Camera replica a tono: "Circa le richieste di solidarietà verso le deputate insultate in quanto donne a Brescia, il presidente della Camera si è già pronunciato al riguardo ed è attenta su questo tema: interviene per condannare in modo attento e rigoroso le  manifestazioni di sessismo", manifestando "solidarietà alle deputate del Pdl in quanto donne" per le offese ricevute a Brescia. Ma il presidente della Camera, avverte, non interviene "per solidarizzare o condannare ogni episodio che attiene attività politiche o di partito. In tal caso finirebbe per entrare inevitabilmente per entrare nell'agone politico".

Leggi tutto