Governo, Imu e Cig: decreti a metà della prossima settimana

1' di lettura

La decisione dopo il vertice di maggioranza, in cui è stata anche tracciata una road map per i primi 100 giorni. Franceschini (Pd): Definiremo un pacchetto di misure su fisco e lavoro. Brunetta (Pdl) assicura: "Tassa sulla prima casa sarà cancellata"

Il decreto legge per la sospensione dell'Imu di giugno sulla prima casa e per il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga dovrebbe essere varato a metà della prossima settimana. E' quanto riferiscono fonti di governo al termine del vertice di maggioranza con il premier Enrico Letta. Ieri 9 maggio, Palazzo Chigi aveva parlato di approvazione "nei prossimi giorni". La riunione è stata convocata dal presidente del Consiglio per tracciare una sorta di 'road map' del governo per i primi 100 giorni. Al vertice hanno partecipato il vice premier Angelino Alfano, il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, e il ministro per gli Affari Europei Enzo Moavero. Presenti anche i capigruppo delle forze politiche che sostengono il governo Monti.

All’uscita il ministro per i Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini ha detto che entro 100 giorni governo e Parlamento definiranno il pacchetto di misure per rivedere il sistema fiscale, rilanciare l'occupazione e riformare le istituzioni. "Ieri abbiamo preso la decisione su Imu e Cig, i due temi più urgenti. Ora ci concentreremo, nei primi cento giorni, per raggiungere obiettivi raggiungibili e condivisi", ha osservato. "E' stata una riunione utile, sappiamo che il lavoro si svolge in un clima non semplice, il paese aspetta riforme urgenti e il governo è retto da una maggioranza di forze politiche fino a poco tempo fa e su alcune cose ancora oggi avversari. Ci sono però problemi urgenti che vanno risolti sia per gli elettori di centro che per quelli di destra che per quelli di sinistra. Dobbiamo dunque fare in fretta e bene". Il primo passo, ribadisce Lorenzo Dellai (Scelta civica), sarà il varo a metà della prossima settimana del decreto che sospende fino a settembre l'Imu sulla prima casa e rifinanzia la cassa integrazione in deroga.

Il capogruppo del Pdl alla Camera Renato Brunetta al termine del vertice di maggioranza ha assicurato  però che il partito non ha "assolutamente" rinunciato alla soppressione dell'Imu sulla prima casa.



In generale, ha osservato Brunetta, la discussione "è andata molto bene. Abbiamo ragionato sul futuro". Intervenendo su La7, ieri il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni ha detto che "qualche forma di tassazione sulla proprietà immobiliare dovrà rimanere". Sul tema è intervenuto anche il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato. “L'Imu dovrebbe essere tolta dai capannoni perché se sono uno strumento di impresa "è giusto che non si paghi "perché sarebbe come farla pagare su un tornio” ha detto spiegando di aver chiesto al ministro dell'Economia quanto costi la misura.

Leggi tutto