M5S, voto online: espulso il senatore Mastrangeli

1' di lettura

Il parlamentare è accusato di aver violato la norma del Movimento che vieta la partecipazione a talk show tv. L'88,8% (pari a 17.177 voti) ha scelto l'esclusione, il restante 11,2% ha detto no. La replica: "Dovranno venire i commessi a portarmi via"

Il senatore Marino Mastrangeli è stato espulso dal Movimento 5 Stelle con l'accusa di aver violato la norma grillina che vieta agli eletti stellati la partecipazione a talk show televisivi. Dopo il "cartellino rosso" dei parlamentari grillini, la "palla" è passata alla base, chiamata a votare online dalle 11 alle 17 di martedì 30 aprile. "Le operazioni di voto si sono concluse - si legge sul blog di Grillo - Gli aventi diritto erano 48.292, di questi hanno votato in 19.341. L'88,8% (pari a 17.177 voti) ha votato per l'espulsione, il restante 11,2% (pari a 2.164 voti) ha votato per il no". Mastrangeli, si legge ancora ne post, "ha ripetutamente partecipato a numerosi talk show, benché l'intero gruppo lo avesse più volte invitato a desistere, anche in contemporanea allo svolgimento dei lavori del gruppo". Mastrangeli dovrebbe adesso passare al Gruppo Misto.

Gli avvocati di Mastrangeli: decisione "invalida e illegittima" - La decisione è "invalida e illegittima". Lo sostengono in una nota i legali dello stesso Mastrangeli, gli avvocati Luigi Piccarozzi e Roberto Ricci, che si riservano di "procedere in tutte le opportune e competenti sedi giudiziarie. "Dovranno venire i commessi del Senato a portarmi via dal gruppo parlamentare e intendo che dovranno farlo fisicamente", replica il senatore che in mattinata, parlando a SkyTG24, aveva detto: "Io ho il Movimento 5 stelle nel sangue e per cacciarmi dovranno farmi una trasfusione di sangue...".


Leggi tutto