Letta alla Camera: "Stop Imu a giugno. Priorità al lavoro"

1' di lettura

Il premier ottiene la fiducia e annuncia l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti e del doppio stipendio per i ministri. Alfano: "Musica per le nostre orecchie". Ancora polemiche dopo gli spari a Palazzo Chigi. LA CRONACA DELLA GIORNATA

E' la 'sorpresa' che nessuno si aspettava, neanche i diretti interessati: "Il primo atto del nuovo governo sarà eliminare lo stipendio dei ministri" che sono già parlamentari. L'annuncio lo dà Enrico Letta all'Aula chiedendo la fiducia per il suo esecutivo e spiegando che si tratta di "una cosa che non sanno nemmeno i responsabili dei dicasteri".
In serata dalla Camera è arrivato il via libera all'esecutivo con 453 sì e 53 no. Gli astenuti sono stati 17. Il dibattito al Senato, domani, inizierà alle 9 e il voto è previsto dalle 13.
Mentre i palazzi della politica sono ancora scossi dalla sparatoria davanti a Palazzo Chigi il premier ricorda i due carabinieri feriti. Ringrazia Napolitano e Bersani. Poi, con un discorso ricco di pragmatismo, Enrico Letta presenta alla Camera il suo progetto per entrare nella Terza repubblica: riduzione delle tasse sul lavoro, taglio dell'Imu, reddito minimo per le famiglie bisognose, revisione del patto di stabilità interno e soprattutto rinegoziazione dei patti europei (VIDEO - LE PAROLE CHIAVE). La lotta di Davide contro Golia per stare alle sue citazioni.

Tutti gli aggiornamenti (qui per la versione mobile)

Leggi tutto