Governo Letta: 21 ministri, 7 sono donne

1' di lettura

Il presidente del Consiglio scioglie la riserva. Giurerà domani alle 11.30. Angelino Alfano all'Interno, Emma Bonino agli Esteri, Anna Maria Cancellieri alla Giustizia, Fabrizio Saccomanni all'Economia. Napolitano: "E' un governo politico". AGGIORNAMENTI

Alle ore 17.20 il presidente del Consiglio incaricato Enrico Letta ha accettato l'incarico di formare il nuovo governo. Giurerà domenica alle 11.30. Intanto, dopo essere salito al Quirinale per incontrare il Capo dello Stato Giorgio Napolitano, ha comunicato la lista dei ministri. Sono 21 le personalità che compongono la squadra di governo: 9 del Pd, 5 del Pdl, 3 di Scelta Civica, 1 Radicale, 4 Tecnici (LA SCHEDA e LA GALLERY).
Vicepremier e ministro degli Interni Angelino Alfano, Emma Bonino agli Esteri, Anna Maria Cancellieri alla Giustizia, Fabrizio Saccomanni all'Economia.
E ancora: Graziano Delrio agli Affari Regionali, Dario Franceschini ministro per i Rapporti con il Parlamento, Moavero Milanesi ministro degli Affari Europei, Carlo Trigilia alla Coesione Territoriale, Flavio Zanonato allo Sviluppo Economico, Enrico Giovannini al Lavoro, Gaetano Quagliarello ministro delle Riforme Istituzionali, Maria Chiara Carrozza all'Istruzione, Beatrice Lorenzin alla Salute, Giampiero Dalia ministro Pa, Josefa Idem alle Pari Opportunità e Sport, Mario Mauro alla Difesa, Maurizio Lupi ministro delle Infrastrutture, Nunzia De Girolamo alle Politiche Agricole, Cecile Kyenge all'Integrazione, all'Ambiente Andrea Orlando, ai Beni culturali e Turismo Massimo Brai. Il nuovo Sottosegretario alla presidenza del Consiglio è Patroni Griffi.
"E' un governo politico, nato nella cornice istituzionale e secondo la prassi della democrazia parlamentare" ha dichiarato Giorgio Napolitano (VIDEO).
"Sono fiducioso nella formazione del nuovo governo che potrebbe giurare anche oggi", aveva detto Silvio Berlusconi al termine di un lungo incontro con Enrico Letta avvenuto alla Camera in mattinata. "Io non sarò ministro" aveva dichiarato. Prima di incontrare i vertici del Pdl, Letta ha visto il segretario dimissionario del Pd Pier Luigi Bersani che ha osservato: "Il governo non deve essere fatto a tutti i costi".
Tra il 29 e il 30 aprile il nuovo governo dovrebbe andare in Parlamento per la fiducia.

Tutti gli aggiornamenti (qui per la versione mobile)

Leggi tutto