Rodotà: dissenso va espresso nelle sedi istituzionali. VIDEO

1' di lettura

Grillo ha parlato di colpo di Stato. Il professore in una dichiarazione dice: "Sono convinto che le decisioni parlamentari possano essere criticate anche duramente ma partendo dal presupposto che si muovono nell'ambito della legalità costituzionale"

Dopo le dichiarazioni di Beppe Grillo, che paragona la rielezione di Giorgio Napolitano a un colpo di Stato convocando una sorta di manifestazione di protesta davanti a Montecitorio, Stefano Rodotà, che in questi giorni è stato il candidato alla presidenza della Repubblica votato dagli eletti del Movimento 5 Stelle, ha voluto leggere una sua dichiarazione.

"Ringrazio tutti quelli che pensano a me e sono contento che il mio nome parli alla sinistra italiana. Per quanto riguarda le ultime vicende sono sempre stato convinto che le decisioni parlamentari possano e debbano essere discusse e criticate anche duramente ma partendo dal presupposto che si muovono nell'ambito della legalità costituzionale" ha detto il professore, preferendo poi non rispondere alle domande di giornalisti "perché non voglio creare più problemi di quanti non ce ne siano".

Leggi tutto