Bersani da Roma: "No alle larghe intese"

1' di lettura

Il segretario del Pd chiude al Pdl e attacca Renzi. Ma in serata Berlusconi rilancia: "Governo subito o si torni al voto". "Quirinarie" del M5S: tra i nomi Fo e Gabanelli. Tensioni nella Lega: 35 espulsi in Veneto. LA CRONACA DELLA GIORNATA

"O c'è subito un governo forte e stabile per l'Italia oppure meglio ridare la parola agli italiani votando a giugno". Così Silvio Berlusconi, da Bari, dove è stata indetta una manifestazione di piazza del Pdl. "Se si voterà - ha aggiunto, infiammando la piazza - sarò io il candidato premier".
Ma in mattinata, durante l'iniziativa del Pd a Roma "contro la povertà", Pier Luigi Bersani ribadisce il no alle larghe intese. "Noi dobbiamo spiegare perché non vogliamo il governissimo: perché non è la risposta ai problemi" dice Bersani. L'unica formula possibile, per il segretario, è "un governo di cambiamento", che nasca con la "non opposizione" di altri partiti, che sia il Pdl o, come ancora spera, il M5S.
Intanto sono stati resi noti sul blog di Grillo i risultati delle "Quirinarie" del Movimento 5 Stelle, ripetute dopo il presunto attacco hacker denunciato venerdì 12. Tra i 10 nomi più votati: Gian Carlo Caselli, Dario, Fo, Emma Bonino, Milena Gabanelli, Romano Prodi e Beppe Grillo (guarda la fotogallery). Ma da Romano Prodi è arrivato il rifiuto di ogni candidatura. "Non ho nessuna candidatura al  Quirinale, io sto fuori, io sto semplicemente a guardare" ha detto l'ex premier.
Sul fronte leghista, Roberto Maroni cerca di placare le polemiche interne al Carroccio: "C'è‚ una sola Lega per quanto mi riguarda, la Lega Nord: ha un progetto ben chiaro e definito". A margine del Consiglio nazionale della Lega nord-Liga veneta che ha sancito 35 espulsioni, si è scatenata però la rissa.

La cronaca della giornata

19.55 Santanchè: "A Bari entusiasmo di un popolo che c'è"
- "Entusiasmo, canti, applausi: così è stato accolto il nostro presidente Silvio Berlusconi a Bari in una manifestazione oceanica di un popolo che c'è, esiste e vuole contare". Cosi' la responsabile nazionale dell'organizzazione del Pdl, Daniela Santanché commenta la manifestazione di Bari.

19.00 Anche sostenitori di Bonino in piazza a Bari - C'era anche qualche sostenitore di Emma Bonino al Qurinale nella piazza gremita per Berlusconi a Bari. "Silvio scegli Emma", "Silvio tutti con Bonino", "Bonino presidente": le scritte che comparivano su alcuni cartelli portati da un gruppetto di persone presenti al comizio.

18.15 Alfano su Twitter: "Avanti così e vinciamo" - "A Bari folla immensa e incredibile entusiasmo! Avanti così e vinciamo...non ci sarà da attendere molto" così il segretario del Pdl su Twitter. Alfano ha poi condiviso sul social network una foto da Bari.



18.00 Berlusconi: "Sondaggi ci danno al 34%" - "Secondo i sondaggi noi siamo al 34 per cento, con quattro punti percentuali di vantaggio rispetto ai nostri avversari". Così Silvio Berlusconi da Bari. "Abbiamo la possibilità di vincere anche alla Camera", ha aggiunto.

17.45 Berlusconi: "Se si vota io candidato premier" - "O Bersani accetta di formare il governo con noi o l'interesse del Paese esige che si torni al voto e bisogna farlo già a giugno" ha ribadito Berlusconi annunciando: "Se si andrà a votare sarò io i candidato premier". "Bersani - ha detto ancora Berlusconi - vuole i nostri voti ma non vuole un governo con noi, allora io gli dico: Bersani noi siamo moderati ma non abbiamo l'anello al naso, non stiamo a pettinare le bambole".

17.30 Berlusconi: "Il Pd vuole tutte le cariche dello Stato" - "Il Pd tenta di prendersi tutte le alte cariche dello Stato, Bersani ci vuole escludere dalle istituzioni". E' l'accusa del Cavaliere dal palco di Bari.

17.20 Berlusconi: "Magistratura ha inquinato vita politica del Paese" - Berlusconi, dal palco di Bari, torna ad attaccre la magistratura: "Tutti possono finire nel tritacarne giudiziario che ha già influenzato in tutti questi anni la vita politica del Paese". Il Cavaliere è poi tornato a chiedere la responsabilità civile dei magistrati.

17.15 Berlusconi: "Governo stabile, o voto a giugno" -  "Siamo l'unico baluardo della libertà". Così Silvio Berlusconi si è rivolto ai suoi sostenitori a Bari, nel suo intervento alla manifestazione indetta dal Pdl. "O c'è subito un governo forte e stabile per l'Italia oppure meglio ridare la parola agli italiani votando a giugno" ha poi detto il Cavaliere, infiammando la piazza.

16.25 Attesa per Berlusconi a Bari

16.11 Prodi: "Nessuna mia candidatura, io sono fuori" - "Non ho nessuna candidatura al Quirinale, io sto fuori, io sto semplicemente a guardare". Lo ha detto Romani Prodi, parlando ai giornalisti a margine della presentazione di un libro dell'ex assessore regionale toscano, Massimo Toschi.

14.50 Di Vita (M5S): "Grillo è incandidabile" - Le scelte emerse dalla consultazione on-line per il Colle del M5S, "mi hanno abbastanza stupito, soprattutto perché provenienti dalla Rete. Bastava sfogliare un quotidiano dei tanti per leggere gli stessi identici nomi". Lo scrive su Facebook Giulia Di Vita, deputato del Movimento 5 Stelle. "La Bonino e Prodi sono poi espressioni tipiche della sinistra, la sinistra malinconica", sottolinea Di Vita. "Grillo e' incandidabile. Dario Fo e Milena Gabanelli hanno gia' detto di no in svariate occasioni".    Di qui l'appello finale: "Usiamola questa rete, per il voto di lunedi' prepariamoci per bene su ognuno di essi e poi votiamo con consapevolezza!".

14.15 Lombardi su Facebook: mi hanno rubato la ricevuta delle spese. Come faccio? -
"Ieri sera mi hanno rubato il portafoglio dalla borsa. Oltre l'immane seccatura di rifare carte, patente, codice fiscale e il piccolo dispiacere per l'oggetto in sé, ho perso tutte le ricevute delle spese sostenute finora". E' preoccupata di non poter rendicontare le proprie spese da parlamentare Roberta Lombardi, capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera. Nel denunciare su Facebook di essere stata vittima di un furto, si duole infatti di aver perso tutte le ricevute messe da parte finora e poiché nel M5S vige la regola che ogni costo va documentato, chiede soccorso alla Rete per trovare una soluzione.  

14 Bossi: "Non sarò io a rompere la Lega" -
"La Lega non sarò io a romperla": lo ha detto, intervistato dal Tg regionale della Lombardia, Umberto Bossi, ribadendo quanto già affermato ieri sera. Alla domanda se sia andato dal notaio, Bossi ha replicato "chiedete a Leoni, è andato lui mica io dal notaio, per un giornale di una associazione culturale".

13.20 Bersani: "Indecente chi dice alla politica fate presto"
-  "Noi dobbiamo spiegare perché non vogliamo il governissimo: perché non è la risposta ai problemi". Così Pier Luigi Bersani, durante la manifestazione del partito a Corviale. "Siamo ad un incrocio e questo è un ulteriore elemento di difficoltà in una fase difficile, ma è indecente che in questa fase si dica 'la politica faccia presto'. Di qualunquismo in giro ce ne è già troppo" continua il segretario in un attacco indiretto ma non troppo velato a Matteo Renzi.



13.00 Lega, 35 espulsioni. Tafferugli al termine del consiglio in Veneto -
Si è scatenata la rissa e la  bagarre quando Luca Zaia è uscito dalla sede del  Consiglio nazionale della Lega nord-Liga veneta che ha confermato le 35 espulsioni dal movimento. I militanti dissidenti che contestano il segretario nazionale Flavio Tosi sono riusciti ad entrare nella sede e si è scatenato il parapiglia con spintoni urla e insulti tra leghisti pro e contro Tosi. Da parte dei dissidenti, tra i quali appunto i 35 espulsi per le contestazioni della scorsa settimana a Pontida, non sono mancati gli insulti rivolti al segretario: "Venduto, venduto". "Buffone, buffone", "Traditore, traditore". Alla fine è tornata la calma e i contestatori sono usciti dalla sede.

Il servizio di SkyTG24



12.50 Intervento di Bersani a Roma -

12.30 I dieci nomi per il Quirinale del M5S: fotogallery -



Il servizio di SkyTG24


12 M5S, tra i 10 candidati al Colle anche Grillo, Bonino e Prodi -
Il MoVimento 5 Stelle ha indicato i suoi nomi per il Quirinale nella giornata di ieri. Avevano diritto al voto 48.282 persone iscritte al M5S al 31 dicembre 2012 con documenti digitalizzati. I dieci candidati scelti sono, in ordine alfabetico:
- Bonino Emma
- Caselli Gian Carlo
- Fo Dario
- Gabanelli Milena Jola
- Grillo Giuseppe Piero detto Beppe
- Imposimato Ferdinando
- Prodi Romano
- Rodota' Stefano
- Strada Luigi detto Gino
- Zagrebelsky Gustavo

12 I risultati delle "Quirinarie" -

11.45 Lega, i ribelli manifestano al Consiglio veneto -




Manifestanti con cerotto alla bocca e la sciarpa verde con il simbolo del Carroccio al collo protestano contro l'ipotesi di "purghe" che il Consiglio Nazionale Veneto della Lega dovrà discutere nell'assemblea di Noventa Padovana.

11.20 Alle 12 i risultati delle "Quirinarie" -
11 Fassina a SkyTG24: "Cerchiamo un'intesa con tutte le forze politiche" (video)

10.30 Quagliarello su Twitter -

10 Maroni: "C'è solo una Lega" -
"C'è una sola Lega per quanto mi riguarda, la Lega Nord: ha un progetto ben chiaro e definito". Lo dice Roberto Maroni a Trieste. "C'è tanta gente nella Lega che ha voglia di fare, c'è qualcuno che ha voglia di disfare, pochissimi, e questi sono accompagnati fuori", aggiunge. "Qualcuno - continua - ha il teorema che la Lega è spaccata, che si dividerà in due". Ma il partito, ha precisato, "ha un progetto definito dal congresso di luglio, ribadito a Pontida dove c'era un sacco di gente, ventimila persone e venti 'pistola'. Noi li chiamiamo così per non dire di peggio: non hanno nessuna rilevanza dentro la Lega".

Leggi tutto