Comunali Roma: il centrosinistra sceglie il suo candidato

1' di lettura

Sei gli aspiranti primi cittadini: Gemma Azuni, Mattia Di Tommaso, Paolo Gentiloni, Ignazio Marino, Patrizia Prestipino e David Sassoli. Alle 14 hanno votato in 47mila

Si sono chiusi alle 20 i seggi per le primarie a Roma. Dopo il voto di oggi 7 aprile, il centrosinistra avrà il suo candidato sindaco che sfiderà Gianni Alemanno e l'avvocato di M5S, Marcello De Vito. Secondo gli exit poll realizzati da Tecné il candidato Ignazio Marino trionferebbe su tutti i candidati con il 54,58% dei consensi. A seguire, David Sassoli con il 24,28%, terzo Paolo Gentiloni con l'8,12%. Distanziati Gemma Azuni (3,6%), Stefania Prestipino (2,4%) e Tommaso Di Mattia (1,3%).
Alle 14 avevano votato 47mila romani, come ha reso noto il Comitato Roma Bene Comune. Tra le novità di queste primarie il voto aperto anche ai sedicenni, purché muniti di documento d'identità. Anche loro potranno scegliere il proprio aspirante sindaco.

La campagna elettorale che ha portato alle primarie non ha visto colpi di scena, ma non ha risparmiato polemiche (i manifesti abusivi dell'europarlamentare del Pd Sassoli hanno scatenato le ire dei suoi avversari tanto che qualcuno aveva chiesto la sua uscita dalla competizione). E anche la giornata di sabato 6 aprile è passata tranquillamente, dopo il confronto tra i candidati andato in onda venerdì su SkyTG24. Per chiudere la campagna elettorale, il senatore del Pd Marino ha passato la mattinata in sella alla sua bici per le strade di Roma. "Trascorrere del tempo all'aperto è un modo bello e sano per chiudere la campagna elettorale. E le primarie? Un bilancio sicuramente positivo. Ho incontrato in questi giorni tantissime persone. Roma è davvero una città meravigliosa, vasta ma anche complessa". 

C'è chi come il giovane ventottenne Di Tommaso (Psi) ha deciso di chiudere la sua campagna elettorale 'low cost' in un bar del quartiere Don Bosco. "E' un luogo simbolo della mia sfida alle primarie - ha spiegato precisando di aver speso per le primarie 865 euro - la mia candidatura è nata tra la gente e in questi mesi ho girato tutti i bar, le piazze, i luoghi di aggregazione". E chi invece ha optato per la televisione come Gentiloni, ospite su La7 del programma 'In onda', che ha incassato anche l'endorsement del 'rottamatore' e sindaco di Firenze Matteo Renzi. L'ex ministro della comunicazione del governo Prodi ha ricevuto i complimenti anche dall'ex sindaco Walter Veltroni che lo ha definito "il più competente" tra i sei.
David Sassoli ha passato invece la serata del 6 aprile incontrando i cittadini di Tor Bella Monaca. "Roma è una città piena di città invisibili che dobbiamo far emergere - ha cinguettato su Twitter -. Il mio sogno? Essere adottato dai cittadini come Petroselli". 

Leggi tutto