Grillo: "Inciucio Pd-Pdl? La gente prenderà i bastoni"

1' di lettura

Il leader M5S incontra in un agriturismo vicino a Fiumicino i parlamentari per chiarire i dissensi dopo l'apertura dei frondisti al dialogo col Pd. Il luogo top secret fino all'ultimo. Renzi: "Il 95% degli italiani pensa che stiamo perdendo tempo"

"Il nuovo presidente della Repubblica sarà molto diverso da questo". Lo ha affermato Beppe Grillo, che ha riunito i suoi parlamentari a Villa Valente, nei dintorni di Roma. "Ho detto a Napolitano di darci l'incarico" di formare un governo e solo dopo "gli faremo un nome" per la sua guida. "Ora il nome è il Movimento nel suo insieme", ha aggiunto il comico, prima di dire che "se ci fosse l'inciucio tra Pd-Pdl la gente è stufa e prenderà i bastoni". Grillo ha poi invitato i suoi a restare "calmi e sereni" e ha ironizzato su possibili defezioni all'interno del Movimento 5 Stelle: "Abbiamo un listino prezzi per i grillini in vendita. La verità è che non ci dividiamo noi, ma gli altri".
L'incontro del M5S è terminato alle 17 circa. In mattinata, i parlamentari del Movimento sono stati prelevati e portati nel posto prescelto, rimasto top secret fino alla fine. "Andiamo a passare una giornata in allegria, né più né. Due chiacchiere poi torniamo a casa" ha detto Vito Crimi.
Intanto, i saggi indicati da Napolitano per facilitare la condivisione di indicazioni programmatiche, continuano il loro lavoro che terminerà probabilmente la prossima settimana. E il sindaco di Firenze Matteo Renzi, in collegamento telefonico con Radio 105, ha ribadito che secondo lui la politica starebbe "perdendo tempo". Affermazione che ha scatenato dure polemiche all'interno del Pd e a cui ha indirettamente replicato anche il Capo dello Stato Giorgio Napolitano. "Avessi detto qualcosa di particolarmente intelligente... ho detto quello che pensa il 95% degli italiani".

Tutti gli aggiornamenti

19.36 Currò: nessuna acredine - "Nessun problema, nessuna acredine con il mio movimento. Non ho partecipato al summit di oggi a Torrimpietra per precedenti impegni ed incontri già fissati a Catania. Vorrei piuttosto ribadire che il Paese non può tornare indietro di 20 anni e bisogna farsi promotori di un'iniziativa per un governo con nomi nuovi, con una classe dirigente trasparente e con un programma condiviso. Mi auguro che Beppe Grillo in tempi brevi possa ragionarci su ed insieme a tutti noi alimentare il dibattito in questo senso". Lo ha detto il parlamentare nazionale del M5S Tommaso Currò.

19.30 Lombardi: no espulsioni, chi con Pd andrà via da solo - "Chi deciderà di votare con il Pd, vorrà dire che non sente più gli impegni stringenti alla base del Movimento e quindi sarà lui stesso a decidere di uscire. Non ci saranno espulsioni, nessuno sarà cacciato". Lo assicura la capogruppo 5 Stelle alla Camera, Roberta Lombardi, commentando la  riunione dei parlamentari 'stellati' con il leader Beppe Grillo.

19.15 Cicchitto: Grillo gioca allo sfascio - "E' evidente che Grillo gioca comunque allo sfascio. Per un verso infatti rifiuta l'intesa col Pd, per altro verso fa minacce inaccettabili nel caso si
concretizzasse l'ipotesi di un governo Pd-Pdl". Lo dice Fabrizio Cicchitto, del Pdl. "Il suo unico scopo è quello di impedire ogni governo del Paese in questa crisi cosi grave - aggiunge - in sostanza un progetto che oscilla tra l'irresponsabilità e la ricerca del
tanto peggio tanto meglio".

18.45 Tabacci: Grillo e Casaleggio decidono, parlamentari obbediscono - "La montagna Grillo ha partorito un altro topolino. Dallo sconcertante 'appuntamento al buio' dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, per l'ennesima volta non è uscita alcuna proposta per il Paese, ma solo un tentativo di imbavagliare qualunque dibattito interno". E' quanto afferma il leader del Centro Democratico, Bruno Tabacci, in un comunicato. E aggiunge: "Grillo e Casaleggio decidono, deputati e senatori possono solo obbedire o, nella migliore delle ipotesi, farsi insultare". "Su una cosa ha ragione comunque Grillo: se non si fa niente per il Paese, gli italiani prima o poi prenderanno il bastone. Ma - conclude Tabacci - lo prenderanno anche contro una forza che ha il 25% dei consensi, e oltre 160 parlamentari in carica e continua a non voler fare nulla".

18.10 Crimi su Facebook: stiamo già lavorando a proposte di legge - "Anche se il parlamento è paralizzato dall'incomprensibile volontà di non far partire le commissioni definitive, il M5S sta già lavorando. Abbiamo creato le nostre commissioni interne e stiamo già elaborando le nostre proposte di legge" scrive su Facebbok il capogruppo 5 Stelle al Senato, Vito Crimi. E linka un video:

17.40 Le voci dei Parlamentari dopo l'incontro: "La nostra linea non è cambiata" (VIDEO)


17.30 Sondaggio settimanale SkyTG24-Tecné: intenzioni di voto - "Se si andasse al voto oggi, il centrodestra avrebbe la maggioranza assoluta alla Camera" (VIDEO)

17.07 Grillo scherza: abbiamo listino prezzi per quelli in vendita - "Abbiamo un listino prezzi per i grillini in vendita...". Scherza con i cronisti, Beppe Grillo, al termine della riunione con i parlamentari 5 Stelle nel casale vicino a Fiumicino. "Ne faremo di più di riunioni - ha aggiunto nella ressa di cronisti e telecamere - sono bellissime". "Li ho presi e li ho sequestrati - ha detto ancora sorridendo - abbiamo parlato di cose meravigliose". Ma Crimi si è comportato bene a tavola? "Non si è macchiato", scherza rispondendo alla 'provocazione' dei cronisti.

16.56 Becchi (M5S) si scusa: ho ecceduto nei toni - "Se ho ecceduto nei toni chiedo scusa". Paolo Becchi fa marcia indietro, dopo la bordata di critiche provocata dal suo tweet contro i "giuda" M5S ("non ci sono dissidenti ma eventualmente traditori"), con annesso invito a dare vita a una sorta di lista di proscrizione via social network ("da indicare con nome e cognome sul blog", aveva infatti aggiunto). "Ora ho bisogno di pensare", conclude sempre dal suo account Twitter il costituzionalista di riferimento dei grillini.

16.15 Grillo: " Domandatemi ma non ho risposte su tutto" -"Fatemi domande ma non ho risposte per tutto". Cosi' Beppe Grillo parlando ai parlamentari del M5S nella riunione in corso in un agriturismo.

16.08 Grillo: "Il prossimo presidente sarà diverso da questo"
- "Dobbiamo arrivare calmi e sereni all'elezione del presidente della Repubblica che sara' molto, molto diverso da questo". Lo dice Beppe Grillo ai suoi nel corso della riunione del Movimento 5 Stelle a Tragliata, localita' nei pressi di Fiumicino.

15.50 Grillo: "Il nostro nome per il governo è M5S" - "Ho detto a Napolitano di darci l'incarico" di formare un governo e solo dopo "gli faremo un nome" per la sua guida. "Ora il nome è il Movimento nel suo insieme". Cosi' Beppe Grillo parlando ai parlamentari del M5S nella riunione in corso in un agriturismo.

15.35 Grillo: "Con inciucio la gente rpende i bastoni" - Se ci fosse l'inciucio tra Pd-Pdl "la gente è stufa e prenderà i bastoni". Lo ha detto Beppe Grillo parlando ai suoi parlamentari. Un deputato lo ha interrotto e gli ha chiesto "ma noi non gli stiamo fornendo un pretesto?" e Grillo ha risposto di no. "Ma se le larghe intese le stanno facendo già da un mese... Noi - ha tagliato corto - non gli stiamo fornendo alcun pretesto".

Sondaggio SkyTG24 Tecnè. Intenzioni di voto del 4 aprile 2013 - Diminuiscono gli indecisi, aumenta la percentuale del centrodestra (VIDEO)


14.30 Di Stefano (M5S): i cronisti inseguitori umiliano il mestiere - "La cosa che mi dispiace è che molti di questi giovani giornalisti, che ci seguono in auto umiliando la loro professionalita' e svalutando un mestiere nobile, sono pagati una miseria e costretti a portare un articolo. Su cosa poi? Un incontro informale. Povera Italia...". Lo ha scritto su
Facebook il deputato 5 Stelle Manlio Di Stefano.

13.20 Matteoli: "Berlusconi intervenga per sblocco empasse" - "Dopo le parole pronunciate oggi da Berlusconi, auspico che il Pdl, seppur informalmente, assuma tramite il suo leader un'iniziativa complessiva per dar vita ad un governo che tranquillizzi gli italiani e che individui il successore di Napolitano. Diversamente il voto a giugno è inevitabile". Lo dice il senatore del Pdl Altero Matteoli.

12.50 Quirinale, Riccardi: "Si prosegua il lavoro di Napolitano" - "Tempi difficili come i nostri hanno nel Quirinale uno snodo necessario: ci vuole un presidente che continui il grande impegno di unità nazionale del presidente Napolitano perché senza questo credo che il nostro Paese viva una situazione difficile". Nomi? "No, e nemmeno cognomi". Lo ha detto a un meeting internazionale delle società nazionali di Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa.

12.30 Berlusconi su Twitter ribadisce:



12.05 Grillo con i parlamentari in un casale vicino a Fiumicino - Un casale in aperta campagna, "una location che fa eventi" e che ospita ricevimenti e matrimoni. E' la sede scelta da Beppe Grillo per l'incontro con i parlamentari del M5S. Deputati e senatori sono giunti con due autobus e hanno incontrato Grillo all'ingresso di Villa Valente che si trova in località Tragliata , vicino Fiumicino. Grillo non ha voluto rispondere a nessuna domanda dei giornalisti.



12.00 M5S, Becchi: "Dissidenti sono traditori e vanno trattati come Giuda" - Paolo Becchi, il professore genovese molto vicino al Movimento 5 Stelle, ha usato parole durissime per stigmatizzare l'ipotesi che nell'M5S qualcuno si smarchi dalla posizione ufficiale.



11.56 Berlusconi: "Voto anticipato non è nostra prima scelta" -  "Il ricorso alle urne entro giugno non rappresenta la nostra prima scelta perché‚ noi sappiamo bene che la cosa più urgente è far uscire il Paese dalla crisi nel tempo più breve possibile. Noi riteniamo quindi prioritario ed anzi, indispensabile, dare vita subito a un governo stabile e forte. Soltanto se il Partito Democratico dirà 'no' a questa soluzione, si dovrà ricorrere alle elezioni anticipate". E' quanto ribadisce Silvio Berlusconi in un messaggio per il sito 'forzasilvio.it'.

11.45 Debiti P.A.: domani alle 10:30 il Consiglio dei ministri - Il consiglio dei ministri chiamato ad approvare il decreto sul pagamento dei debiti della P.a, secondo quanto si apprende, si riunirà il 6 aprile alle 10.30.

11.40 Giovannini (Istat): "Credo che i saggi siano utili" - "Io credo sia utile". Così il presidente dell'Istat Enrico Giovannini, componente delle gruppi istituiti da Napolitano, parla a margine della Aurelio Peccei lecture 2013 organizzata dal Wwf, del lavoro dei 'saggi'. "Stiamo lavorando intensamente giorno e notte - aggiunge Giovanni - Vedremo il risultato di questo lavoro nei documenti che porteremo al capo dello Stato".

11.00 Orfini: "Ora un partito nuovo e con Vendola"
- "Non ha più senso mantenere le divisioni di una volta. Le 'due sinistre' riconoscono nel campo dei socialisti e democratici europei un punto di riferimento: possiamo ragionare su qualcosa di nuovo che unisca le sinistre e costruisca un rapporto con quelle forze che hanno vinto fuori dagli schemi tradizionali, da De Magistris a Pisapia a tutto quel mondo civico che gira intorno al centrosinistra? E' l'occasione del prossimo congresso del Pd: anzichéuna conta fra aspiranti leader, facciamone un momento in cui sanare la frattura della sinistra e contribuire a offrire al paese qualcosa di nuovo, forte, credibile". A dirlo Matteo Orfini, responsabile cultura del Pd, in un'intervista al Manifesto.

10.22 Crimi: "Sarà una giornata in allegria, paghiamo l'autobus" -  "Andiamo a passare una giornata in allegria, ne' più ne' meno. Due chiacchiere poi torniamo a casa". Così Vito Crimi, prima della partenza, racconta l'assemblea dei parlamentari M5S con Grillo. "Gli autobus li paghiamo noi - spiega - 10 euro per l'autobus più una cifra variabile tra i 18 e 20 euro per il pranzo". Crimi assicura che "non c'entra Curro"' e la sua dichiarazione di dissenso rispetto al gruppo: "L'incontro era previsto".

10.00 Crimi: "Con Currò parlo certo, ma la maggioranza è con noi" -  "Io con Currò (il deputato siciliano che ha detto di auspicarsi apertamente "un confronto con il Pd", ndr) ci parlo, certo che parliamo..". Lo ha detto Vito Crimi parlando con i giornalisti
a piazzale Flaminio. "Io vi dico - ha aggiunto - che la maggior parte dei messaggi che ricevo è di sostegno. Quindi vuol dire che c'è solo una parte che è contraria. Poi domani uscirà che non c'è il dibattito..".



9.45 Renzi: "Uscire e farsi un partito non ha senso, ce ne sono già troppi" – Il sindaco di Firenze Matteo Renzi respinge l’ipotesi di fare come Giorgia Meloni, ovvero uscire da un grande partito in dissenso col vertice. "Con tutta l'amicizia e la stima – ha detto - lei è uscita, ha fatto un partito, ma ha appoggiato Berlusconi".



9.40 Renzi: “Berlusconi si fida più di Bersani che non dei nuovi”
- Renzi, rispondendo alla domanda di un ascoltatore che gli chiedeva a Radio 105 se lui darebbe vita a un’alleanza col Pdl, dice: “Se devono fare un'alleanza, Berlusconi si fida molto più di D'Alema e Bersani che non dei nuovi innesti del Pd: è da tempo che si conoscono, e più facile che trovino un accordo loro".

9.30 M5S, parlamentari radunati a piazzale Flaminio
- Iniziano a radunarsi a piazzale Flaminio, nel centro di Roma, i deputati e senatori del Movimento 5 stelle che incontreranno oggi il loro leader Beppe Grillo. Ai parlamentari è stato dato appuntamento a piazzale Flaminio, dove un autobus li preleverà per una destinazione 'top secret'. Ai giornalisti che li interpellano, ancora ora assicurano di non sapere dove si svolgerà la loro assemblea, ma circola voce che sia in una località vicino Roma.



9.19 Renzi: “Ho detto ciò che pensa il 95% degli italiani”
- "Avessi detto qualcosa di particolarmente intelligente... ho detto quello che pensa il 95% degli italiani". Lo ha affermato il sindaco di Firenze Matteo Renzi, in collegamento telefonico con Radio 105, ritornando sulla sua affermazione secondo cui la politica al momento starebbe "perdendo tempo".

9.00 Orfini: "Nuovo partito con Renzi per rifare tutto" - "E'lampante che nascerà un nuovo partito. E magari si chiamerà ancora Pd. Ma Renzi ha ragione, all'Italia non resta molto tempo": così il fondatore di Eataly, Oscar Farinetti, in un'intervista al Secolo XIX. Secondo Farinetti il Pd ha bisogno di un nuovo modello di partito: "Penso a un Pd fatto di 100mila iscritti che versano una quota di 100 euro l'anno: fanno 10 milioni ed ecco che il finanziamento non serve più. Questi 100mila sono la vera assemblea del Pd, si decide votando tutto su internet". Ma non è copiare Grillo? "Ma tutta la vita si copiano le cose".

8.55 Della Vedova a SkyTG24: "Il lavoro dei saggi non è perdita di tempo"



8.00 Crimi: “Divisioni fisiologiche ma escludo scissioni” – “Che ci sia un dibattito al nostro interno con posizioni anche diverse non lo nego. Io stesso mi sono trovato a riflettere sul caso-Grasso. Le divisioni sono fisiologiche, sarebbe grave se non ci fossero, ma escludo scissioni". Lo ha detto Vito Crimi, capogruppo M5S al Senato, in un'intervista al Messaggero. Quello che è successo con il presidente del Senato "non si ripeterà" nell'elezione del capo dello Stato. "Lo sceglieremo online, voteremo il nome che ci verrà indicato dagli iscritti", dice Crimi, e in caso di ballottaggio "vedremo". Se la scelta fosse tra Berlusconi e Bonino, "non voterei nessuno dei due".

Leggi tutto