Debiti Pubblica amministrazione, rinviato il decreto

1' di lettura

Slitta il provvedimento per i rimborsi alle imprese. Al Colle prosegue il lavoro dei 10 saggi. Renzi: “Stiamo perdendo tempo”. Carfagna a SkyTG24: "Al Quirinale mi piacerebbe Emma Bonino". LA CRONACA DELLA GIORNATA

E' stato rimandato ai prossimi giorni il Consiglio dei ministri, inizialmente previsto per oggi 3 aprile, che avrebbe dovuto varare il decreto per i pagamenti dei primi 40 miliardi di debiti della Pubblica Amministrazione alle imprese. Il ministro Grilli avrebbe chiesto più tempo per fare ulteriori approfondimenti. Sembra inoltre infondata l'indiscrezione secondo cui il testo conterrebbe anche l'aumento delle aliquote Irpef, così come l'ipotesi di una nuova manovra correttiva.
Intanto i 10 "facilitatori" scelti dal presidente della Repubblica per superare lo stallo politico con dei punti programmatici il più possibile condivisi tra le forze politiche, sono tornati a riunirsi in due sale dell'Archivio storico del Quirinale. "La misura più urgente è restituire fiducia ai cittadini e alle imprese", dice a SkyTG24 il senatore del Pd Filippo Bubbico, esponente della commissione economico sociale, mentre arriva l'allarme del sindaco di Firenze Matteo Renzi: "Stiamo perdendo tempo".
La presidente della Camera Laura Boldrini, ha convocato per il 18 aprile le Camere in seduta comune per l'elezione del nuovo presidente della Repubblica.

Tutti gli aggiornamenti:

19.45 Carfagna a SkyTG24: "Per il Colle mi piacerebbe Emma Bonino" - Per il Colle "mi piacerebbe molto Emma Bonino, mi sentirei garantita da una donna come lei, anche se su alcune posizioni è distante da me". Così Mara Carfagna portavoce del Pdl alla Camera che a SkyTG24 ha precisato che questo è un suo auspicio "personale". "Emma Bonino - ha sottolineato - è una figura di garanzia e sarebbe un segnale di grande cambiamento".

Il video



19.40 Grilli: "In dl nessun aumento imposte" - Il decreto sui pagamenti dei debiti delle pubbliche amministrazioni "non conterrà aumenti di imposte". Lo ha assicurato il ministro dell'Economia, Vittorio Grilli, intervenendo a Porta a Porta. E sulla possibilità di congelare il previsto aumento dell'Iva: "Penso sia possibile, perché la spesa pubblica è molto ampia: con una strategia economica e una volontà politica si possono individuare gli spazi".

19:19 Alfano sul rinvio dl: "Monti sa solo tassare" - "Il governo ha rinviato il provvedimento per il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione verso le imprese, dimostrando così la legittimità del nostro sospetto e cioè che si volevano onorare i debiti caricandoli sui cittadini con l'ennesimo inasprimento della leva fiscale".
E' quanto dichiara il segretario politico del Pdl, Angelino Alfano secondo il quale "le uniche soluzioni che il governo riesce a immaginare sono nuove forme di tassazione o aumenti ingiustificabili a carico degli italiani".

18:32 Camera, Giorgia Meloni capogruppo Fratelli d'Italia - "Sarà Giorgia Meloni il capogruppo di Fratelli d'Italia a Montecitorio. La decisione è stata presa all'unanimità nel corso di una riunione che si è tenuta oggi alla Camera". E' quanto comunica in una nota l'ufficio stampa di Fratelli d'Italia.

18.13 Italia Futura: "Bene Renzi, uscire dal pantano subito" - "Le parole di Matteo Renzi sono interamente condivisibili", mette nero su bianco Italiafutura in un editoriale pubblicato sul sito della fondazione che fa capo a Luca Cordero di Montezemolo. "Dopo settimane di dichiarazioni e tattiche incomprensibili da parte di tutti i partiti politici, Renzi è il primo politico a dire in termini chiari quello che va detto: non c'è più tempo", si legge nel testo dal titolo inequivocabile: "fuori dal pantano subito".

18.05 Grillo: "Saggi parte del problema, no riunioni con loro" - Grillo dice no alla partecipazione del M5S a riunioni con i 'saggi' nominati dal Quirinale. Lo si evince dal post pubblicato sul suo blog in cui elenca le ragioni sbagliate per sostenere il M5S. E' sbagliato, scrive, votare M5S se si ritiene si debba"partecipare a riunioni extraparlamentari di 10 saggi che sono parte del problema".

17.56 Grillo: “Chi vuole governo Pd-M5S ha sbagliato a votarci” - "Perché hai votato il M5S? Per fare un governo con i vecchi partiti? Per votare in Parlamento i meno peggio? Se hai votato per il M5S" per uno di questi motivi, "allora hai sbagliato voto. Mi dispiace. La prossima volta vota per un partito". Così Beppe Grillo, che propone un lungo elenco di motivi sbagliati per sostenere il M5S.

17.54 Mozione Pdl su Tares - La tassa comunale sui rifiuti e sui servizi (Tares) sta per entrare in vigore "con tutte le sue contraddizioni e rischia di diventare un peso insostenibile per milioni di contribuenti". Per questo, i senatori Pdl Luigi d'Ambrosio Lettieri, Amoruso, Caliendo, Perrone, Bruno, Tarquinio, Cassano, Iurlaro, Mandelli, Galimberti, Liuzzi e Bruni hanno presentato una mozione urgente che impegna il Governo su tre opzioni: abrogazione della Tares, slittamento al 2014, o ridefinizione delle scadenze delle rate di pagamento.

17.39 Alemanno: “Debiti Pa? Passo avanti” - "Se tutte le promesse fatte oggi dal governo saranno mantenute sarà fatto un grande passo in avanti e finalmente possiamo dire alle imprese che tutti i debiti saranno pagati". Lo ha detto il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, parlando al termine dell'incontro tra Anci e Governo a Palazzo Chigi.

17.32 M5S: mozione per il ritiro dall’Afghanistan
- Il M5S sta lavorando ad una mozione per il ritiro delle truppe dall'Afghanistan. Lo conferma il deputato grillino Alessandro Di Battista, che farà parte della commissione Esteri della Camera. La mozione, spiega, sarà presentata nei prossimi giorni.

17.15 Artini (M5S): "Prodi al Quirinale? Decideranno cittadini online" - VIDEO



17.01 Polillo a SkyTG24: "Definito nuovo quadro macro-economico" - AUDIO



16.53 Camusso: “Temo altra addizionale Irpef” - "Se stanno rinviando per provare un'alternativa all'addizionale Irpef, bene. Ma, purtroppo, ho il timore che si stiano per inventare un'altra addizionale. Ma questo è un mio pregiudizio". Lo ha detto il segretario della Cgil Susanna Camusso, a Firenze, rispondendo ad una domanda sul rinvio deciso oggi del Consiglio dei ministri già in programma.

16.47 Anci: “Maggiorazioni Tares da dicembre” - Il pagamento della Tares, la nuova tassa sui rifiuti, inizierà dal prossimo mese di maggio, ma i 30 centesimi in più a metro quadro previsti verranno applicati solo da dicembre. Lo ha riferito il presidente dell'Anci, Graziano Delrio, precisando che la maggiorazione di 0,30 euro in più a dicembre "andrà direttamente allo Stato".

Guarda il video



16.44 Senato respinge dimissioni Mangili (M5S) - L'Aula del Senato ha respinto le dimissioni della senatrice eletta in Lombardia con il M5S Giovanna Mangili. I rappresentanti di quasi tutte le forze politiche si sono detti d'accordo sul fatto che siano troppo "lacunose" e vaghe le motivazioni della sua rinuncia.

16.36 Delrio (Anci): “Subito 7 miliardi per crediti imprese”
- Il governo varerà il decreto legge per lo sblocco delle risorse per i pagamenti dei Comuni alle imprese entro fine settimana o al più tardi lunedì prossimo. Lo ha detto il presidente dell'Anci Graziano Delrio dopo l'incontro con il governo, aggiungendo che da subito saranno disponibili 7 miliardi di euro. "Siamo felici che il governo abbia accolto le nostre proposte - ha detto Delrio - e che in questo modo si sia presa la direzione giusta". Tecnicamente, ha aggiunto il leader dei sindaci, il testo del decreto dovrà  essere "modificato in qualche piccola parte, ma comunque la giornata di oggi possiamo considerarla storica perché è una vittoria delle imprese, dei sindacati e dei sindaci".

16.25 Montecitorio, contestati due deputati 5 Stelle - "Siete stati eletti per governare: votate la fiducia". Così alcuni cittadini hanno polemizzato contro due deputati del Movimento 5 Stelle, Massimo Artini e Massimo De Rosa, davanti a Montecitorio. Un gruppo di persone si è radunato intorno ai due deputati grillini e son dovute intervenire le forze dell'ordine. I due deputati grillini hanno però ribadito che "il Movimento ha la propria linea e il proprio programma". De Rosa ai cronisti ha spiegato: "Noi rispondiamo a tutti i cittadini. Ci stavano demolendo. Non potevo stare zitto". Ad Artini i contestatori avevano dato del "populista" e del "bamboccione". I due parlamentari hanno spiegato ai cittadini "non potete prendervela con noi, non siamo noi ad aver affondato l'Italia in questi ultimi anni".

16.23 I saggi al lavoro - Il gruppo di lavoro in materia economico-sociale ed europea nel corso della prima riunione in una delle sale di studio messe a disposizione dalla Presidenza della Repubblica presso l'Archivio Storico nel Palazzo Sant'Andrea. Nella foto, da sinistra, Salvatore Rossi, Giovanni Pitruzzella, Filippo Bubbico, Giancarlo Giorgetti, Enzo Moavero Milanesi e Enrico Giovannini.



16.19 Cattaneo: “Decreto massimo entro lunedì” - Il decreto per sbloccare 40 miliardi di crediti vantati dalle imprese nei confronti della pubblica amministrazione sarà varato entro lunedì, dopo il rinvio rispetto alla data di oggi. Lo ha annunciato su Twitter il sindaco di Pavia, Alessandro Cattaneo, al termine di un incontro a Palazzo Chigi fra il governo e l'Anci, associazione dei Comuni italiani.
16.06 Fassina: “Rinvio sconcertante, governo spieghi” - "Sconcertante il rinvio del Consiglio dei Ministri per l'approvazione del decreto per il pagamento dei debiti delle pubbliche amministrazioni verso le imprese". Lo dichiara Stefano Fassina, responsabile Economia del Pd, secondo il quale "il Governo dovrebbe chiarire al più presto all'opinione pubblica e al Parlamento le ragioni della scelta. Il decreto è urgente, oltre che necessario".

15.56 Monti informa l’Ue sul decreto debiti Pa - Mario Monti ha chiamato oggi Olli Rehn per informarlo sui contenuti del decreto per i debiti della P.A. e rassicurarlo che l'Italia rispetterà "gli impegni di mantenere il deficit sotto la soglia del 3% del Pil". Lo riferisce all'ANSA il portavoce della Commissione Ue, Olivier Bailly. La telefonata è durata "quasi un'ora".  Dopo la telefonata con Monti il vicepresidente della Commissione europea, Olli Rehn, "ha preso nota di questo avanzamento positivo" e "ha chiesto ai suoi servizi di esaminare immediatamente i termini del decreto".

14.25 Rinviato il Cdm sui debiti delle PA - Rinviato ai prossimi giorni il Consiglio dei ministri che oggi doveva definire testo del decreto sui debiti commerciali della PA. Il ministro Grilli, d'accordo con Passera, ha infatti manifestato a Monti la necessità di "proseguire gli approfondimenti" dopo le risoluzioni approvate ieri 2 aprile da Camera e Senato. Gli approfondimenti sarebbero necessari per "problemi di copertura" e, secondo quanto si apprende, dopo che l'ipotesi di un anticipo dell'aumento dell'addizionale regionale Irpef è definitivamente tramontata, si starebbe inoltre valutando la possibilità di inserire nel decreto anche altre misure.

14.03 Camera, scontro sulle commissioni
- Alla Camera non si sblocca il nodo commissioni permanenti. Se il Movimento 5 stelle e con qualche sfumatura diversa anche Sel ritengono che possano esser attivate anche prima della nascita di un nuovo Governo, non così le altre formazioni politiche. In conferenza dei capigruppo "si è manifestato lo scontro fra la posizione parlamentare e quella assembleare", ha sottolineato il capogruppo Pdl Renato Brunetta che ha notato come "la maggior parte delle forze politiche" ritengano che il Parlamento possa operare nella sua pienezza una volta definito il Governo.

13.43 Governo, Giarda presenta 7 nuove misure - Sette provvedimenti, dal riparto dei fondi 2012 agli enti di ricerca alla riorganizzazione delle prefetture: è questo l'elenco presentato dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Piero Giarda in conferenza dei capigruppo alla Camera. Il ministro avrebbe sottolineato come vi "siano diversi livelli di urgenza". Nella lista compaiono anche provvedimenti in materia di liberalizzazioni di attività economiche, misure per le manifestazioni abbinate alle lotterie e la nomina del presidente del Parco dell'Aspromonte

13.36 Consigli regionali pronti per elezione Capo Stato -  Entro il prossimo 11 aprile la compagine regionale per l'elezione del Capo dello Stato sarà definita e formalmente comunicata al Parlamento, in tempo ampiamente utile per la convocazione di giovedì 18 aprile. L'assicurazione arriva dal presidente del Consiglio regionale dell'Umbria e Coordinatore della Conferenza dei Consigli regionali, Eros Brega, il quale ha accolto l'invito alle Regioni della Presidente della Camera, Laura Boldrini, alla definizione degli adempimenti relativi alle designazioni dei grandi elettori regionali per l'elezione del Capo dello Stato.

13.32 Vendola: “M5S ci ha inflitto sconfitta, ora riflettere”
- "M5s ha cannibalizzato i voti del centrodestra e parte grandissima dell'elettorato del centrosinistra. Per noi è stata una sconfitta e dovrebbe indurci ad una riflessione più puntuale". Lo ha detto il leader di Sel e presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, tenendo oggi a Bari nell'aula del Consiglio regionale una relazione sulla nuova giunta, varata circa tre settimane fa.

13.23 Grillo ribadisce: "Nessuna fiducia" - Il servizio di SkyTG24



13.10 Debiti Pa, no intesa su poteri commissione - Nessuna intesa per ampliare i poteri della commissione speciale della Camera e consentire l'esame del dl sui debiti della P.A.. E' quanto emerso dalla conferenza dei capigruppo, dove si è registrato il no del M5s al contrario della posizione espressa dagli stessi rappresentanti grillini in commissione. Sul tema voterà l'Aula martedì.

12.05 Distanze invariate tra Pd e Pdl su nuovo governo - Il servizio di SkyTG24



12.35 Da senatori renziani proposta per abolire finanziamento a partiti - "Il rimborso elettorale ai partiti va interamente abrogato perché rappresenta una forma impropria di finanziamento pubblico alla politica. Il meccanismo disciplinato dalla legge attualmente in vigore, non fa infatti alcun riferimento alle spese sostenute dai partiti nelle competizioni elettorali ma eroga un finanziamento sulla base dei voti ricevuti". Lo sostengono dieci senatori del Pd, vicini a Matteo Renzi, che oggi hanno depositato una proposta di legge per abrogare il rimborso elettorale ai partiti.

11.55 Il 18 aprile la prima seduta per elezione Capo dello Stato - La prima seduta per l'elezione del nuovo capo dello Stato potrà aver luogo già a partire da giovedì 18 aprile. Lo si legge in un comunicato della Camera in cui si annuncia che la presidente Laura Boldrini provvederà lunedì 15 alla convocazione del Parlamento in seduta comune.

11.35 Renzi: "Stiamo perdendo tempo"
- "Stiamo vivendo una situazione politico-istituzionale in cui stiamo perdendo tempo, e questo mentre il mondo ci chiede di chiedere di correre a velocità doppia". Così Matteo Renzi, sindaco di Firenze, nel suo intervento al convegno per i 120 anni della camera del lavoro di Firenze. In prima fila, il segretario generale della Cgil Susanna Camusso. Secondo Renzi servono "credibilità politica e risposte sui temi del lavoro o rischiamo di perdere la strada per tornare a casa: ormai bisogna prendere atto che la clessidra e agli sgoccioli".

11.25 Garavaglia (Lega): "Bonino al Quirinale? Potrebbe essere"
- "Bonino al Quirinale? Potrebbe anche essere". Così il senatore della Lega Massimo Garavaglia, intervistato da Radio Radicale. "Il Capo dello Stato dovrebbe essere una figura super partes - ha detto - non proveniente dallo schieramento di sinistra L'errore che la sinistra ha fatto alla Camera (lo dico togliendomi la giacchetta della Lega) è stato quello di imporre una figura di ultrasinistra alla Camera".

11.10 Aumento Irpef non è contenuto in testo in arrivo al Cdm
- Nel provvedimento per il pagamento dei debiti della P.A. non è prevista la possibilità di aumentare l'addizionale Irpef regionale, anticpando a quest'anno la maggiorazione che scatterà nel 2014. Lo riferisce l'Ansa, secondo cui l'ipotesi non è contenuta nel testo oggi in arrivo al Cdm.

11.00 Fassina: "Aumento Irpef sbagliato nel merito e nel metodo" - Interviene sulla indiscrezioni circa un un'anticipazione della possibilità di aumento dell'addizionale Irpef dal 2014 al 2013 anche Stefano Fassina, responsabile Economia del Pd. "Se così fosse, sarebbe una misura inaccettabile sia nel merito che nel metodo" dice Fassina, secondo cui un ulteriore aumento di imposte sarebbe sbagliato nel merito perché "aggraverebbe la pesante recessione in corso e annullerebbe gli effetti anticiclici dello sblocco dei pagamenti finanziato a debito" e "nel metodo, perché ieri il Parlamento ha approvato le risoluzioni sulla Relazione di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza nella quale non vi e' alcun riferimento all'anticipo della misura né accenni sono stati fatti dai ministri auditi dalle Commissioni Speciali di Camera e Senato". "Auspichiamo - conclude Fassina - che si tratti di errore e che il Governo confermi quanto contenuto nella Relazione vagliata dal Parlamento".

10.30 Cicchitto: "Situazione bloccata per rifiuto Bersani" - "Da un lato Bersani cerca di fare un governo con il M5S senza riuscirci e poi si rivolge a noi escludendoci perché non vuole trovare accordi politici. Adesso c'è da condividere il tema del Quirinale, ma bisogna capire in che area si colloca visto che il centrosinistra si è già aggiudicato le due Camere e ambisce alla presidenza del Consiglio. Davanti al rifiuto di Bersani di fatto siamo in una situazione bloccata". Così a Tgcom24 Fabrizio Cicchitto. Alla domanda sull'ipotesi di un incontro tra Bersani e Berlusconi, ha detto: "Su questo non credo che ci siano pregiudiziali, il problema è quello che si dicono".

10.00 Cdm slitta alle 19 - Il Consiglio dei ministri, che ha come unico punto all'ordine del giorno il decreto in materia di pagamenti della pubblica amministrazione, è slittato dalle 10 di questa mattina alle 19. Lo rende noto il sito di Palazzo Chigi. Secondo quanto riferiscono fonti di governo dietro lo slittamento vi sono ragioni di ordine tecnico relative al testo.

9.50 Martone: "Aumento Irpef non è agli atti"
- Stando alle risoluzioni approvate ieri in Parlamento, l'aumento delle imposte per i cittadini non risulta agli atti anche perché c'è stata una presa di posizione molto forte di tutti i partiti. Si tratta di indiscrezioni giornalistiche". Così Michel Martone, viceministro del Lavoro e delle Politiche sociali, ad Agorà, su Rai Tre, in merito all'ipotesi di un aumento dell'addizionale Irpef in relazione allo sblocco dei pagamenti della Pubblica amministrazione alle imprese.

9.45 Moretti: "Renzi candidato alle prossime elezioni è un'ipotesi" - Matteo Renzi candidato Pd alle prossime elezioni? "E' un'ipotesi che si fa, del resto Renzi ha partecipato con grande coraggio alle primarie, arrivando secondo e facendo un ottimo risultato, ed è riconosciuto dal partito come uno dei leader, quindi sicuramente vorrà fare le primarie". Così Alessandra Moretti del Pd intervistata a Omnibus su La7, ribadendo "noi comunque riproporremo il metodo delle primarie che ci siamo fin qui dati". Alla domanda se pensa che anche Bersani si ricandiderà alle prossime elezioni commenta: "Questo non lo so". Quanto all'elezione del prossimo capo dello Stato, Moretti ammette: "Rivoterei Napolitano, anche se rispetto la sua volontà".

9.00 Bubbico:
"Escluderei l'ipotesi di una manovra correttiva" - La prima cosa che faremo è una ricognizione delle criticità che abbiamo di fronte. La misura più urgente è restituire fiducia ai cittadini e alle imprese". Così a SkyTG24 il senatore del Pd Bubbico, uno dei "saggi" che compongono la commissione economico-sociale. "Escluderei l'ipotesi di una manovra correttiva" aggiunge il senatore, che affronta però anche i nodi "istituzionali": "Abbiamo questa situazione paradossale di una legge elettorale che garantisce un eccesso di maggioranza in una Camera e un risultato opposto nell’altra, in un sistema di bicameralismo perfetto. Questo è un problema da cui non possiamo sfuggire, si tratta di mettere mano a una riforma elettorale e istituzionale, per completare il ciclo di riforme che ha restituito un grande protagonismo alle Regioni".

Il video integrale

Leggi tutto